Sono solo alcune delle novità in vista della possibile ripresa del campionato intorno alla metà di giugno. La Lega Serie A sta preparando un nuovo protocollo con una serie di norme igienico-sanitarie da seguire. Dal divieto di creare assembramenti intorno al direttore di gara fino alla divisione dello stadio in tre grandi aree. Le principali novità in attesa di indicazioni ufficiali secondo eurosport.it

VIETATO ACCERCHIARE L’ARBITRO
Dovrebbe essere vietato sempre, lo sarà a maggior ragione in questo periodo: i giocatori dovranno tenere la distanza minima di un metro e mezzo dall’arbitro. Saranno vietate, in particolare, quelle tipiche e spiacevoli proteste di gruppo che purtroppo si vedevano regolarmente a ogni partita prima della pausa forzata a causa della pandemia. Zero proteste e zero assembramenti, dunque.

GIOCATORI ALLO STADIO IN MACCHINA
Novità in vista anche per quanto riguarda l’arrivo allo stadio delle squadre. I giocatori della squadra di casa dovranno utilizzare le proprie automobili, mentre quelle che si recano in trasferta dovranno viaggiare non più a bordo di un solo pullman, ma utilizzando diversi mezzi di trasporto in modo da rispettare il distanziamento.

SQUADRE IN CAMPO IN MOMENTI DIVERSI
Cambia il rituale pre-partita: le due squadre faranno il loro ingresso sul terreno di gioco in momenti diversi per non creare assembramenti. Saranno vietate le strette di mano e si dirà addio anche alle classiche foto di squadra prima del calcio d’inizio.

NO A MASCOTTE E BAMBINI
Non sarà consentito l’utilizzo delle mascotte da parte delle società ospitanti e i calciatori non potranno essere accompagnati dai bambini.

INTERVISTE A DISTANZA
Tra il giornalista e il calciatore intervistato dovrà esserci una distanza di almeno un metro e mezzo sia per l’intervista a fine primo tempo che per quella a fine partita. Le conferenze stampa si svolgeranno con domande via skype o via WhatsApp.

STADIO DIVISO IN TRE GRANDI AREE
Complessivamente allo stadio non potranno entrare più di 300 persone suddivise in modo equo in tre zone: gli spazi esterni all’impianto, le tribune e l’area tecnica. I raccattapalle saranno solamente 4.