“Ora sto meglio. Prima l’infortunio e poi il Covid contratto in nazionale. Tutto passato. Ora mi sono ripreso bene, dai…. Contro il Sassuolo siamo stati sfortunati, sul 2-2 pensavamo di vincerla. Ma anche col Genoa meritavamo l’intera posta in palio ed invece… Vogliamo fare più punti possibili, abbiamo ancora fame. Superare quota 49? Non parliamo tra di noi di traguardi o altro. Stiamo bene e stiamo recuperando giocatori importanti. Faremo un bel finale. Juric? Il mister è un grande allenatore. La sua qualità migliore è che sa tirar fuori il meglio da ognuno di noi. Con me ha lavorato molto anche sulla fase difensiva e come Gasperini, anche Juric vuole che ogni calciatore sappia sia attaccare, che difendere. Per questo dobbiamo sempre essere al meglio dal punto di vista fisico. Stojkovic? Posso solo dire che è una specie di “dio del pallone” da noi. Un fenomeno anche se quando la Stella Rossa ha vinto la Coppa dei Campioni, lui era nell’OM Marsiglia. Come selezionatore lo conosciamo poco, ma sappiamo che ha avuto grandi esperienze in Giappone e in Cina. Abbiamo subito tre partite di qualificazione mondiale. La Serbia non è riuscita a centrare la fase finale dell’Europeo con la Scozia in casa. Anche Ilic in Nazionale?Sono felice perchè è un giovane con dei numeri ed un ragazzo molto serio. In campo cerco sempre di aiutarlo e qualche volta parliamo in serbo. Lui con gli altri si spiega con l’inglese. L’Atalanta di Pessina? Sono felice di incontrarlo di nuovo. Ha fatto una stagione stupenda e tutti quello che ha ottenuto è meritato. È un tipo tosto che ha reagito alla grandissima all’infortunio subito a Genova nell’ultima partita della scorsa stagione. Mi auguro che mister Mancini lo convochi per le finali dell’Europeo, se lo merita. Differenze con Barak? Non lo so, entrambi sono grandi professionisti. Forse Toni è più tecnico di Pes, che però ha altre qualità. Tutti e due sono mancini e giocano nella stessa posizione. E poi, sanno dove posizionarsi in campo e corrono tantissimo. Il mio futuro? Posso dirvi che a Verona sto benissimo. Io ma anche altri miei compagni ci siamo subito inseriti in questa meravigliosa città, che ha davvero tutto. L’unica cosa che ci dispiace è la mancanza di pubblico allo stadio. L’anno scorso i nostri tifosi sono stati eccezionali nel trascinarci in alcune partite Lasagna? Mai visto una punta così veloce. Un assist per lui? Speriamo già da domenica” ha dichiarato a L’Arena, l’esterno dell’Hellas Verona, Darko Lazovic.