“Conoscevo già Verona. Con la mia famiglia abitiamo in centro e stiamo molto bene. Dopo la gara col Torino mi sono riposato ed ho avuto modo di fare qualche passeggiata. Posto magnifico. La gara col Torino? Dura, difficile. Loro ci hanno messo le corde tutto il primo tempo. Abbiamo mollato un po’ ed il Toro ci ha mangiato. Noi dobbiamo andare a mille per essere competitivi. Il gol di Parma? Bellissimo. Ero felicissimo. Mi ha dato grande gioia quella rete – ha dichiarato Lazovic a L’Arena – Come mi trovo a giocare a sinistra? L’anno scorso ho giocato per un intero girone a sinistra. Non mi complica la vita essere lì. Penso di dare il mio contributo al gruppo. Ci sono tanti buoni giocatori in rosa ed essere impiegato molto dal mister è motivo di soddisfazione per me. Chi mi ha stupito di più tra i miei compagni? Kumbulla, Amrabat, Rrahmani e Faraoni stanno facendo vedere di essere grandi giocatori. Chi rischia di retrocedere? Il campionato è ancora lungo. Stanno correndo tutti. Noi dobbiamo pensare partita per partita. Per me si deciderà magari solo alla terzultima. Adesso c’è troppo equilibrio. Quando incide non aver giocato a Roma con la Lazio? Tanto. Ci ha spezzato il ritmo. Era meglio giocare. Staremo fermi tre settimane poi lo scontro diretto in casa della Spal che vogliamo vincere. I tifosi? Quando mi hanno proposto di venire all’Hellas Verona ho accettato anche per i tifosi. Loro ci sono dappertutto, sono unici”.