“Domani affrontiamo una grande del nostro campionato. Non dobbiamo sottovalutarla. Immobile è solo la punta dell’iceberg di un complesso molto forte. Lui poi è un realizzatore fantastico. Credo che se ripeteremo nello spirito la prova contro il Cagliari potremo metterli in seria difficoltà. Abbiamo ancora tanto da dare e da dimostrare. Sono stato molto felice del gol realizzato a Cagliari, una rete fondamentale per la squadra, giunta alla fine di una gara molto tirata. Sto lavorando in modo specifico nell’uno contro uno col portiere. A volte ho troppa fretta di calciare per paura che mi recuperi il difensore. Cerco la tranquillità nel tiro. Quello che mi manca è segnare con più continuità ma confido nelle prossime giornate. Altri quattro o cinque gol? Il sogno sarebbe la doppia cifra ma con le poche partite che rimangono mi accontenterei di farne altri quattro magari decisivi per il gruppo. Toni ha dichiarato che è difficile far la punta con Juric? Lui è stato un grande finalizzatore. Il mister predilige di più attaccanti che giochino per la squadra. Ma credo che un campione così sarebbe stato determinante anche con il modulo di Juric.
Barak è pronto per il calcio internazionale? Mi auguro di no (ride, ndr). Lo conosco da anni e spero che resti con noi al Verona anche nella prossima stagione. La Nazionale? Ho giocato poche partite e non ho un rapporto così amichevole col mister. Mi rendo conto che nell’ultimo periodo non ho giocato al meglio e quindi non mi aspettavo, com’ è successo, di essere convocato. Ora sono dentro al meccanismo del Verona e voglio lavorare sodo anche per provare a tornare nel giro azzurro. Cinque anni di contratto con l’Hellas Verona? Questo è l’obiettivo mio e del club. La città è splendida e già la conoscevo, il gruppo di ragazzi ottimo. E poi c’è quella curva. Mi piaceva da avversario, figurarsi ora. Ho visto che per l’Europeo tornerà il pubblico negli stadi. Mi auguro che ciò avvenga anche in campionato. Sogno di far gol sotto la curva Sud” ha dichiarato a L’Arena, l’attaccante dell’Hellas Verona, Kevin Lasagna.