L’Hellas Verona è tornato alla triste realtà. L’impresa sfiorata al Bentegodi contro l’Inter appena quattro giorni fa è solo un lontano ricordo. A Roma contro la Lazio, Delneri ha "offerto" la peggior prestazione della sua gestione (11 partite, ndr) in gialloblù. Pur avendo creato, specie nel primo tempo, Toni e compagni hanno buttato alle ortiche un’altra possibilità per cercare di conquistare una salvezza che di giornata in giornata sta diventando sempre più utopistica.

Tanta confusione in campo, in tutti i reparti, una condizione fisica non certo ottimale ed i cambi che non hanno portato quanto sperato, rappresentano la serataccia dell’Olimpico contro la Lazio. Un passivo così pesante non si era mai registrato quest’anno. Cinque gol incassati in buona parte nella ripresa, hanno visto in un primo momento l’Hellas Verona reagire, per poi invece sciogliersi come neve al sole.

La matematica non condanna ancora la squadra di Delneri, è vero, ma oramai è solo questione di tempo. Mi piange il cuore a dirlo, ma purtroppo è così. E lo sanno bene anche i 143 tifosi che ieri sera non hanno mai fatto mancare il loro affetto verso l’amato Verona.