“Abbiamo dato il massimo contro la Sampdoria, non c’è stata stanchezza, gli altri hanno prevalso con merito. Contro la squadra di Ranieri abbiamo giocato male e loro hanno legittimato la vittoria. Per me è tutto chiaro, nessuno è felice quando si perde. Non so quanto abbiamo recuperato in vista della gara di domani, lo scoprirò questo pomeriggio. Abbiamo poche scelte e andremo quindi sulle sensazioni. Per Firenze spero di recuperare i ragazzi sia mentalmente che fisicamente. Si è fatto male pure Di Carmine, mancheranno quindi tutti e tre gli attaccanti. In attacco qualcosa saremo costretti ad inventarci. Salcedo dal 1’? Non ce ne sono altri. Vediamo poi se recuperiamo Ceccherini. Ma voglio sottolineare ancora che se questa squadra si salva, ha fatto un risultato stupendo. Questa è la realtà. Cosa mi aspetto da questi ultimi 180’ del 2020? Che nessuno si faccia male. I motori dei nostri giocatori non sono quelli delle grandi squadre. Noi dobbiamo andare sempre al limite. Magnani? Non ha giocato contro la Sampdoria perché non era in grado di giocare, vediamo per domani. Lazovic? Dopo l’infortunio al ginocchio ed il Covid-19, non riesce ad essere ancora incisivo come l’anno scorso, ma deve avere grande fiducia in sé stesso per cercare di tornare ai suoi livelli. Sino adesso la squadra ha fatto meglio dell’anno scorso ed i ragazzi li devo abbracciare ogni mattina quando li vedo.
Gunter? L’ho inserito nel finale per fargli riassaporare il campo, un giocatore molto importante per noi per la costruzione del gioco da dietro. Abbiamo bisogno di lui, proverò a buttarlo dentro a Firenze o contro l’Inter. Lovato? Ha buonissime caratteristiche per diventare un buonissimo difensore, ma è ancora all’inizio del suo percorso. L’hanno elevato a livelli allucinanti, ma lui deve essere solo umile e crescere con serenità perché davanti a lui ha un bel futuro” ha dichiarato Ivan Juric alla vigilia di Fiorentina-Hellas Verona.