“Ci tenevamo tanto a chiudere il discorso salvezza con largo anticipo. Abbiamo fatto una partita ottima per 60/70’, poi abbiamo un po’ sofferto perché avevamo pochissimi cambi. Oggi c’è stato un gran bel segnale da parte di tutti. Lovato? Matteo ha fatto un’ottima partita e sapevamo che loro avrebbero cercato i due attaccanti. Per lunghi tratti abbiamo fatto molto bene, senza concedere niente. I danni delle voci di mercato? È normale per uno che arriva dal Padova in C, che guadagna poco e poi viene catapultato al Milan. L’errore lo viveva male ma ora lo vedo più sereno. È stato cambiato per i cambi e Magnani l’ha sostituito bene. Occasioni non finalizzate? Potevamo chiuderla prima, ma alla fine siamo tutti contenti per la vittoria. Qual è adesso il nuovo obiettivo? Superare quanto fatto l’anno scorso (49 punti, ndr). I margini di miglioramento ci sono e mi aspetto di più da chi sino ad oggi ha contribuito meno. Le voci nei miei riguardi? Col tempo ti abitui. L’ho detto anche al mio procuratore, ora penso al Verona, poi si vedrà. Oggi sono felice perché la squadra ha capito ed è tornata ad essere quella che tutti vogliamo” ha dichiarato a DAZN, l’allenatore dell’Hellas Verona, Ivan Juric.