“Quando mancano alcune componenti escono le difficoltà. Non era mai successo ed è accaduto invece oggi. Nei primi venti minuti abbiamo fatto bene, poi abbiamo preso gol sul primo calcio d’angolo e ci siamo persi, abbiamo regalato le cose, così diventa dura. Sul tre a uno attaccavamo, ma quando regali è giusto perdere. Se c’è il pericolo di essere troppo soddisfatti?Sarebbe grave. La nostra realtà è veramente piccola rispetto alle altre, anche se siamo riusciti a migliorare certe cose. Oggi c’è stata mancanza di concentrazione e di fame, e se è così finisce male. A noi può mancare la tecnica, qualche passaggio sbagliato, ma non la cattiveria agonistica. Oggi per un periodo della partita ci è mancata: perdi così perché non sei stato tosto. Troppi complimenti fanno male? Penso che la nostra realtà è molto piccola. Tifosi e giornalisti sono fuori di testa, non vedono quello che facciamo. Se i miei giocatori pensano a rilassarsi finisce male. E’ un campanello d’allarme, non deve succedere quanto visto oggi. Chi sta sotto di noi e ha una rosa migliore si deve chiedere perché, non noi” dichiarato in conferenza stampa, l’allenatore dell’Hellas Verona, Ivan Juric.