“Dieci giornate fa, il Cagliari lottava per la Champions, ora si trova invece sotto di noi e questo dimostra quanto ho sempre detto sul valore di questo campionato. Non saranno della partita Borini, Veloso e Pazzini, ci sarà poi da verificare la condizione di Faraoni che non si è mai allenato con noi. Se Davide non recupera, ci sarà Adjapong. Viste le assenze, qualcosa dovremo cambiare. Di Carmine? Ha lavorato tutta la settimana, Badu invece si sta riprendendo dopo un altro stop. Salcedo? Sta meglio ma gli manca ancora un po’ di forza. L’importante è che si allena con continuità. In mezzo al campo ci sarà sicuramente Pessina – ha dichiarato Juric alla vigilia di Hellas Verona-Cagliari – Vogliamo fare il massimo anche contro la squadra di Maran e l’umiltà deve essere il nostro pregio più grande. Noi non ci possiamo permettere alcun calo di concentrazione. Allarme coronavirus? Adesso non ci penso. Quota salvezza? Per stare tranquilli bisogna sempre puntare ai 40 punti. Europa League? Non ci penso in questo momento. Primavera in finale? Grandissimo risultato, complimenti a tutti. La squadra di Corrent è molto interessante ma ad ora nessuno è pronto per la Prima Squadra e se il Mantova andasse in C, sarebbe importante per il futuro dei nostri giovani”.