“Lo Spezia è una squadra che gioca bene a calcio, un gioco consolidato con tanti talenti. Sarà una partita difficilissima. Kalinic? Ha svolto una parte di un allenamento, non lo so, siamo davvero corti in questo momento ma contro lo Spezia servono attaccanti. Vediamo dopo l’allenamento di oggi, poi prenderemo una decisione. Dal 2021 voglio la salvezza che è il nostro obiettivo principale, cercando di crescere come squadra e gruppo. Tre scontri diretti consecutivi? Non sono partite decisive. Vedo invece una stagione difficilissima, con molte problematiche dove per superale occorre concentrazione e stare sempre sul pezzo. Da quando sono allenatore, non mi è mai capitato un campionato così, sono stati mesi davvero difficili e duri. Anche per questo, i ragazzi meritano grandi complimenti per quanto fatto sino ad oggi. Tutti si sono sacrificati per dare il proprio contributo alla squadra. Sarà Bessa il primo rinforzo? Sul mercato voglio dire soltanto una cosa. In questo anno e mezzo il mio modo di comunicare ha portato molti vantaggi a questa società, ma adesso percepisco che comporta anche alcuni svantaggi. È l’ultima cosa che voglio: a noi serve tranquillità e unità. Per cui eviterei, da adesso in poi, di parlare di cose che non riguardino la squadra. Recuperat Dawidowicz e Lovato? Non avevano niente quindi saranno a disposizione domani. Matteo (Lovato, ndr) ha grandissime qualità ma in questo momento altri mi danno maggiore sicurezza. Magnani, Ceccherini e Dawidowicz hanno fatto una grande partita contro Fiorentina e Inter. Il terremoto in Croazia? Non ho amici o familiari che sono stati colpiti. Ma il mio pensiero è andato a L’Aquila, quando in pochi secondi la gente perse tutto. Nella vita, bisogna essere più sereni in certe cose. Salcedo? Non ha fatto una bella settimana, più di recupero, anche perché nelle ultime due ha fatto molto male. Era svuotato, non era lui e non so se può giocare dall’inizio. Tre partite in una settimana? Abbiamo bisogno del miglior Lazovic, un giocatore che l’anno scorso è stato fondamentale. Bisogna ritrovarlo, anche se Dimarco è cresciuto davvero tanto ma in queste partite ravvicinate cercherò di gestirli entrambi. Vieira? Il problema degli infortunati ce l’abbiamo da inizio anno. Non è andato bene il suo recupero, in questo momento è a parte. Non si allena e sulle sue condizioni dovete chiedere al dottore. Benassi? Si sta curando a Firenze, quindi è fuori. Non so come si evolverà la situazione ma anche in questo caso bisogna chiedere al medico o Tony (D’Amico)” ha dichiarato l’allenatore Ivan Juric alla vigilia di Spezia-Hellas Verona.