“Abbiamo preso un gol da trenta metri, poi loro nel secondo tempo hanno fatto meglio. La Sampdoria ha meritato la vittoria. Ma non bisogna buttare la croce addosso a questi ragazzi. Noi dobbiamo restare umili e pedalare per fare più punti possibile. Lovato? È un ragazzo di vent’anni che arriva dalla Serie C. Non bisogna pensare che sia un fenomeno, è da fuori di testa. Chi lo pensa non capisce di calcio. Ha bisogno di anni per migliorarsi. Zaccagni? La Sampdoria ci ha lasciato più la parte di destra e Mattia è stato meno appariscente rispetto ad altre prestazioni anche se ha riaperto la gara col rigore. In questa prima parte di campionato, siamo andati oltre ogni previsione, giocando senza tanti giocatori causa infortuni e spremendo i soliti. E di questo la squadra ne risente. C’è grande serenità da parte mia, io non mi esalto perché l’obiettivo resta la salvezza” ha dichiarato in conferenza stampa l’allenatore Ivan Juric dopo Hellas Verona-Sampdoria 1-2.