“Contro la Lazio i ragazzi hanno fatto una partita fantastica ed i vostri giudizi mi hanno sorpreso. Sono soddisfatto della prestazione contro la squadra biancoceleste, loro hanno fatto poco o niente e pur avendo perso, la nostra è stata una prestazione di altissimo livello. La Sampdoria? Sta molto bene, gioca bene, sono organizzati, pressa ed ha una grande scelta di giocatori. Sarà quindi una partita durissima, contro una squadra di altissimo livello. Come può migliorare ancora il Verona? Penso che in questi due anni sono arrivati risultati fuori dal normale, considerati gli investimenti. Per migliorare dovete chiedere ad altri. Io penso di avere le idee molto chiare. Tanti gol subiti negli ultimi minuti di gioco? Non lo so il motivo preciso. Con la Lazio non avevo la sensazione che qualcosa portasse al loro gol. Abbiamo perso comunque punti importanti ma nell’ultima partita il merito è stato di Milinkovic Savic che è salito in cielo. Lasagna? Mi incuriosisce tanto. Ha imparato ad attaccare la profondità e vedo quotidianamente che può migliorare. Si è aperto mentalmente, con Lasagna bisogna fare come con Zapata quando era a Udine, che era ben altro giocatore. C’è grande disponibilità da parte di Kevin, ha un’enorme voglia di imparare e sono sicuro che può ampliare il suo repertorio. Kalinic? Oggi ha avuto un altro problema ed è da valutare. Il mio futuro? Non so quello che accadrà, si può stare anche fermi. Ad ora non ho parlato con la società. Quest’anno soprattutto è stato molto impegnativo per me ed il mio staff. Ma bisogna guardare sempre in avanti. Quando migliori ti scontri. Per me bisogna andare avanti, ma sarà la società a dire cosa vuole fare. Contano i riscatti e non come due anni fa. Quanto conta l’ottavo posto? Ci tengo tantissimo, poi vediamo alla fine come chiuderemo se ottavi, noni o decimi. Peccato non possiate vedere gli allenamenti perché i ragazzi stanno dando il massimo per migliorarsi. L’atteggiamento della squadra, pur già salva, è tanta roba. Questo mi fa ben sperare perché c’è davvero tanta volontà di fare il massimo, sino all’ultima giornata. Benassi? Nelle ultime 2/3 settimane ha trovato un equilibrio fisico. Benassi è un giocatore stupendo che ci è mancato tanto e che non abbiamo con queste caratteristiche. Spero che trovi continuità e di poterlo utilizzare in questo finale. È stato un calvario per lui e se lo meriterebbe perché non ha mai mollato. Mi piacerebbe tanto vederlo in campo, anche a livello umano. Chi recupero? Favilli è rientrato, Cetin invece ci sarà dalla pessima, mentre Vieira non recupera. Tameze? Adrien è top, mi piace molto, ma Sturaro ha fatto una partita stupenda contro la Lazio. Vediamo chi giocherà contro la Sampdoria. Aggiungere una punta? L’abbiamo provato, poi Kalinic si è fatto male ed in questo momento non ne abbiamo due potenti. Ma ci sta in certe partite, nella mia testa c’è questa opzione. Negli ultimi due anni comunque il miglior calcio l’abbiamo fatto senza attaccanti” ha dichiarato l’allenatore in conferenza stampa, Ivan Juric, all’antivigilia di Sampdoria-Hellas Verona.