“Nel mercato di riparazione non mi piace fare molto casino, specie quando le cose vanno bene. Siamo riusciti a migliorarci ed a vendere giocatori a buoni soldi. Sono convinto che daranno sempre il massimo finché vestiranno la maglia gialloblù. Come stanno i nuovi? Ci vuole un po’ di tempo per acquisire i nuovi meccanismi. Il mio futuro? Rimango dell’idea che sino ad ora è andato tutto bene, il nostro obiettivo resta la salvezza. L’opzione comunque ce l’ho, ma quello che conta è il progetto – ha dichiarato Juric alla vigilia di Milan-Hellas Verona – Il momento è positivo e vogliamo continuare a spingere forte. Sarebbe un peccato accontentarsi. Il gruppo sino adesso ha reso molto bene, tutti quelli che hanno giocato sono riusciti a dare il loro contributo e questo è molto importante. Domani a Milano faremo il massimo, giocando a viso aperto. Troveremo un altro Milan rispetto ad un mese fa, sarà molto dura ma noi ci proveremo. Le scelte di domani? Ho 2/3 dubbi e deciderò oggi dopo la rifinitura. Eysseric? Può giocare sia a centrocampo che sulla trequarti. È arrivato anche perché Danzi ha un problema alla caviglia e forse si dovrà operare. Pioli? Lo apprezzo molto e da lui ho imparato tanto nel periodo in cui ero esonerato. La gara d’andata? Eravamo ancora in costruzione, ma nonostante l’espulsione di Stepinski la squadra era riuscita a creare occasioni da gol, una partita il cui risultato più giusto sarebbe stato il pareggio”.