“Antonio è bravo e strano allo stesso tempo. Ho letto che lasciava per motivi familiari e l’ho chiamato: mi ha confidato che non aveva più la gioia di andare al campo, si sentiva quasi obbligato a “timbrare il cartellino”. Poi sento la conferenza e resto sorpreso anch’io. Per me non era una cassanata, e non perché è mio amico. Se non se la sentiva più di giocare…”. Queste le dichiarazioni dell’attaccante del Napoli, Lorenzo Insigne, rilasciate a La Gazzetta dello Sport. Foto Instagram