Tante le proteste dei quasi 8.000 tifosi che ieri sera erano presenti allo stadio Bentegodi per il terzo turno eliminatorio della TIM Cup contro l’Avellino. Code infinite con soli due ingressi aperti in tribuna est (Curva Sud chiusa, ndr) hanno obbligato i più ad entrare non prima del 15′. Non bastasse il disservizio, all’ingresso al Bentegodi è parsa subito a tutti la diversità di colore del manto erboso dello stadio di Verona. Sotto la Curva Sud sembrava Wimbledon, l’opposto invece nell’altra metà campo. Anche l’allenatore Fabio Pecchia al termine della sfida contro la squadra di Novellino, si è lamentato e non poco delle condizioni del terreno di giuoco. Due situazioni a cui bisogna trovare al più presto una soluzione.