Che confusione questo Hellas. I continui cambi di formazione (nei nomi e nei moduli) voluti da Grosso non hanno dato certezze ad una squadra che è franata nell’ultima gara a Brescia. Strano. A questo punto della stagione un allenatore dovrebbe avere la situazione in mano, invece questo Verona non ha ancora una chiara fisionomia – si legge su La Gazzetta dello Sport – Per questo la posizione di Grosso è stata valutata dalla società, che poi ha deciso di proseguire nella battaglia con lui, sperando di ripetere il percorso vincente firmato due anni fa da Pecchia, pure contestato ma alla fine vincente premiando le scelte del club. Sarà così anche stavolta? Di sicuro il tecnico ha gradito la sosta, perché ha potuto confrontarsi con lo spogliatoio (che si dice schierato dalla sua parte), ma una volta aperte le porte domani sera si presenterà l’ostacolo peggiore che gli potesse capitare: il Palermo capolista visiterà un Bentegodi che ribollente nel sostengo ai gialloblù. Seguirà il turno di riposo. E questo può aiutare Grosso