Roberto Bacci su Lazio-Verona.

– Sarà una bella partita, ne sono sicuro. Si affrontano due squadre che, a fasi alterne, hanno fatto bene. Il Verona poi, credo si possa inquadrare come la vera rivelazione del torneo. Ottimo allenatore, giovani interessanti e quel Toni che finalizza alla grande. La Lazio, certo, poteva e doveva fare di più. Ad un certo punto della stagione c’era molta preoccupazione nell’ambiente biancoceleste, ma fortunatamente poi è iniziata la risalita. Lunedì c’è in palio l’Europa, sarà un match molto combattuto –

Su Luca Toni, capace di stupire ancora all’età di 36 anni ha poi aggiunto.

– Sono sorpreso della facilità con la quale va in gol. Intendiamoci, è un grande giocatore, campione del mondo, non parliamo di un “brocco”. Non mi sorprendono i suoi numeri – ha spiegato a Lalaziosiamonoi.it – quelli li ha sempre avuti: mi rallegra vedergli fare cose complesse con la scioltezza di un ragazzino. Segna, fa segnare, fa crescere i giovani: i cinquantadue punti dell’Hellas portano chiaramente la sua firma in bella evidenza –