Dopo Serie B e Serie C, anche la Serie A torna a essere tutta da definire. Il Collegio di Garanzia del CONI, infatti, ha ritenuto non corrette le sanzioni applicate per i fatti di Frosinone-Palermo: il club rosanero chiedeva la sconfitta a tavolino dei ciociari con conseguente promozione in Serie A, mentre i giudici federali avevano sanzionato il Frosinone con una multa da 25 mila euro e l’obbligo di disputare due gare a porte chiuse. Sanzioni che, appunto, il CONI non ritiene adeguate rispetto alla gravità dei fatti descritti, ragion per cui la Corte Sportiva d’Appello FIGC dovrà nuovamente pronunciarsi. E la porta, in questa pazza estate, resta aperta a qualsiasi soluzione. Fonte e foto: TMW