Nel libro non parlerò solo dei miei tour, ma anche di come vivo all’interno del mondo del tifo: emozioni, passioni dei tifosi, atmosfera e tutto ciò che circonda una partita. Dai grandi match come l’Old Firm, il derby di Manchester o Upton Park, passando all’est Europa e alle serie minori, in questi dieci anni di groundhopping, saltando da uno stadio all’altro. Racconterò quello che provo prima del match, come ci arrivo, quanto spendo e tutto ciò che incontro prima, durante e dopo la partita: dal tifoso allo scontro, dal panino gigante all’essere ubriaco. Statistiche, azioni, goal e giocatori sono per me marginali: informazioni facilmente reperibili e che non fanno parte della mia esperienza. Il cacciatore di stadi è un inno alla passione per il calcio. Che non è solo la passione di quello che accade all’interno del terreno di gioco nei 90 minuti della partita. È la passione che porta a scoprire nuove realtà, anche le più sconosciute. Credo che tra i passaggi più interessanti del libro ci siano le visite agli stadi della quarta serie turca o della seconda serie slovena. Perché girare gli stadi è un modo per arricchire la propria cultura. Significa scoprire usi e costumi di altre nazioni, in alcuni casi di mondi differenti dai nostri. Girando gli stadi del mondo sono sempre stato attratto dai quartieri che ospitano le strutture, dai ristoranti o i pub che accolgono prima o dopo i tifosi. È bello osservare il comportamento di essi prima, durante e dopo la partita. Diventa quasi uno studio antropologico, un’affascinante inchiesta che svela abitudini completamente differenti con una caratteristica unica: la passione per il calcio. Il cacciatore di stadi è una scoperta continua che può intrigare anche chi non ritiene il calcio il suo sport preferito. (Prefazione Maurizio Compagnoni). Vorrei precisare fin da subito che questo libro non è stato pensato come un’opera perfetta, né tanto meno vuole illustrare in maniera organica le teorie del calcio. Il testo vorrebbe invece rappresentare uno stimolo a cercare sempre la bellezza nella vita, in ciò che facciamo, al lavoro o nel tempo libero. La bellezza va cercata in quanto abbiamo di più caro, in chi ci sta accanto, in chi incontriamo nel nostro cammino. Questo libro, infatti, è stato pensato e scritto perché arrivi al cuore di ciascun lettore.