Grazie alla preziosa collaborazione con Verona col Cuore, HELLAS LIVE Vi presenta il bilancio dell’Hellas Verona FC 2015/16.

Lo scorso 2 novembre 2016, è stato approvato dall’Assemblea degli Azionisti dell’Hellas Verona il bilancio d’esercizio al 30 giugno 2016 relativo all’ultima sfortunata stagione in A.
L’Hellas Verona ha chiuso l’esercizio 2015-2016 con un risultato positivo di Euro 732 migliaia, notevolmente migliore rispetto alla perdita di circa Euro 7 milioni dell’esercizio precedente.

Il Conto Economico
Il “Valore della produzione” segna un miglioramento dell’11% registrando un valore complessivo di Euro 56.548 migliaia (Euro 51.095 migliaia nel 2014-2015). L’aumento è principalmente dovuto ai maggiori proventi da diritti televisivi (Euro 26.426 migliaia vs Euro 24.691 migliaia, + 6%), ai maggiori proventi da cessione temporanea di prestazioni di calciatori (Euro 2.490 migliaia, di cui Euro 2 milioni per il prestito di Sala alla Sampdoria, a fronte di Euro 1.701 migliaia nel precedente esercizio, imputabili per Euro 1 milione al prestito di Romulo alla Juventus) e grazie all’apporto delle plusvalenze delle varie fasi del calciomercato, pari complessivamente ad Euro 12.158 migliaia (Euro 10.335 migliaia nel 2014-2015). Tra i ricavi e proventi diversi si segnala il contratto sottoscritto con Infront Italy per i diritti di archivio (Euro 1.800 migliaia).

Il “Costo della produzione” mostra anch’esso un miglioramento passando da Euro 58.283 migliaia nel 2014-2015 ad Euro 55.199 migliaia. La riduzione dei costi si concentra principalmente sui costi per servizi, pari ad Euro 10.324 migliaia (in flessione di Euro 1.526 migliaia) e sul costo del personale che ammontano complessivamente ad Euro 30.205 migliaia (Euro 33.934 migliaia nel 2014-2015, Euro 29.141 migliaia nel 2013-2014).

Tra i costi per servizi si segnala la significativa riduzione dei costi per competenze a procuratori e altre consulenze sportive che ammontano a Euro 1.673 migliaia con una riduzione di Euro 3.300 migliaia rispetto all’anno precedente). Tale riduzione è però parzialmente compensata dall’aumento dei costi amministrativi e generali (Euro 3.422 migliaia, + Euro 750 migliaia) e dei costi pubblicitari e promozionali (Euro 2.177 migliaia, + Euro 855 migliaia).

La “Differenza tra il valore e il costo della produzione”, valore che permette di esprimere la redditività operativa della Società, senza considerare la gestione finanziaria e le imposte, è nel 2015-2016 positiva e pari a Euro 1.349 migliaia. Nel 2014-2015 lo stesso dato era negativo per oltre Euro 7.187 migliaia.
Gli oneri finanziari mostrano una sensibile riduzione, da Euro 2.779 migliaia ad Euro 706 migliaia, anche per effetto del venir meno degli oneri da compartecipazioni.
Il Risultato ante imposte è positivo per Euro 662 migliaia a fronte di un risultato negativo del 2014-2015 di Euro 7.959 migliaia.
Le imposte dell’esercizio (saldo netto tra imposte correnti e fiscalità differita e anticipata) sono positive per Euro 70 migliaia nel 2015-2016 (Euro 1.036 migliaia nel 2014-2015).

A seguire l’analisi delle operazioni di calcio mercato