A Pistoia è scoppiata la Malesanimania. Complice il periodo negativo che la squadra toscana sta attraversando e le critiche al mister Paolo Indiani, considerato il principale responsabile dell’avvio deficitario degli arancioni, i tifosi – prima in maniera ironica e poi trovando sempre più seguito – hanno iniziato a sognare Alberto Malesani per risollevarsi dalle secche della classifica. Ne è partita così una vera e propria campagna social – proprio quei social che l’ex tecnico di Chievo, Hellas Verona, Parma e Fiorentina fra le altre, ha spesso additato come responsabili della sua caduta in disgrazia, si legge su tmw– con addirittura una pagina Facebook dedicata e tanti messaggi, sia pubblici sia privati, indirizzati al tecnico (con tanto di hastag #Bastaindianivogliamomalesani) per convincerlo a scegliere la società toscana per ripartire dopo oltre quattro anni di stop. Un’operazione difficile, complicata, che però assomiglia a un’altra storia simile andata in scena poco distante da Pistoia. Lo scorso anno infatti a Carrara si puntò su un altro tecnico finito nel dimenticatoio (l’ultima esperienza nel 2011 a Vicenza) come Silvio Baldini che decise di rimettersi in gioco, senza alcun stipendio, dal club apuano con ottimi risultati visti i play off conquistati al termine della prima stagione.