Si è presentata ufficialmente questo pomeriggio, data che coincide con il 106º anno dalla fondazione del club geminiano, la nuova compagine societaria Modena Fc 1912, composta da dieci imprenditori che si candidano alla guida e alla “resurrezione” della squadra gialloblu. Ne fanno parte: Gianni Gibellini, Maurizio Setti, Edoardo Rossetti, Giampiero Samorì, Graziano Verdi, Maurizio Bratomi, Giovanni Improta, Giovanni Palma, Antonio Tazzioli e Carlo Alberto Bulgarelli – si legge su modenatoday.com – La società ha l’obbiettivo di acquisire il marchio del club gialloblu all’asta fallimentare e a riprendere l’attività sportiva, auspicabilmente dalla Serie D. Ancor prima che in tribunale, tuttavia, le formalità che attendono la neonata società riguardano il bando pubblicato dal Comune di Modena, che si pone l’obbiettivo di vagliare tutte le proposte imprenditoriali che giungeranno. A guidare formalmente il gruppo di imprenditori è l’istrionico Gianni Gibellini, che ricopre la carica di presidente. Sul piatto sono stati annunciati investimenti per 16 milioni nel prossimo triennio, che da un lato puntino a far ricominciare da zero l’attività sportiva vera e propria e dell’altro rilanciano l’idea della costruzione di un vero e proprio centro sportivo.