“Emil è un guerriero, lo sanno bene i tifosi dell’Udinese che l’hanno visto lasciare tutto in campo nei suoi anni qui, lo sanno bene tutte le persone che hanno avuto la fortuna di condividere con lui la vita di spogliatoio e di vedere il grande professionista che è. E quando un calciatore come lui si deve riprendere da una ferita lo fa tra amici, lo fa con il sostegno di una famiglia sportiva che gli vuole bene. Per questo siamo contenti che Emil stia recuperando dal suo infortunio al ginocchio qui con noi, seguito dal nostro staff medico e atletico – ha dichiarato il responsabile dell’area tecnica dell’Udinese, Daniele Pradè – Una persona come lui porta un contributo incredibile in un ambiente, la sua ultima avventura è stata sfortunata ma sapeva che a Udine avrebbe trovato braccia aperte pronte ad accoglierlo in questo momento. Per questo il guerriero ferito lascerà presto il posto al guerriero perfettamente guarito che conosciamo, per questo lo accogliamo di nuovo in bianconero con la sua positività, la sua grinta e la sua energia. Forza Emil!".