“Non mi fermo. Sono tornato alle mie origini, mi alleno con la mia prima società professionistica. Vivo a cinque minuti dalla capitale, ma vorrei tornare… al Verona. Lì mi è rimasto il cuore. Verrei a piedi dall’Islanda per l’Hellas. In estate sembrava che si potesse fare, a me sarebbe piaciuto. Ma il calcio è strano. Volevo il Verona perché è a Verona che voglio stare – ha dichiarato Hallfredsson a L’Arena – Comunque vada, anche se non dovessi rivestire la maglia dell’Hellas, tornerò a Verona. Ho deciso di comprare casa in città per poter stabilirmi lì almeno sei mesi all’anno. L’Hellas di Juric? Mi pare tosto. Una squadra che lotta e se la gioca con tutti. Amici da ricordare? Juanito Gomez, Moras e Tachtsidis. Verona è una sorta di famiglia allargata per me. Per il Verona ci sono sempre. E se l’Hellas ci fosse per me, sarebbe il miglior futuro che potrei immaginare”.