Campioni del Mondo nel 2006 in Germania, Fabio Grosso e Alessandro Nesta si sfidano alle ore 18 allo stadio Bentegodi da allenatori in Verona-Perugia. Grosso e Nesta, due volti di una stessa storia ma, contemporaneamente, due storie diversissime tra loro. Alessandro Nesta si presentava al Mondiale tedesco coi galloni di difensore più forte al Mondo, salvo poi ritrovarsi costretto ad assistere da spettatore a quasi tutta la manifestazione per via di un infortunio che lo mise fuori combattimento e che al tempo stesso spalancò le porte della gloria nazionale a Marco Materazzi e addirittura del Pallone d’Oro per Fabio Cannavaro, autentico dominatore di quel Mondiale. Fabio Grosso, invece, sull’aereo per la Germania c’era salito quasi da comprimario. Da quella parte, a sinistra, il posto apparteneva ad un certo Gianluca Zambrotta , mica l’ultimo arrivato. E invece, complice anche qualche difficoltà palesata da Zaccardo – all’epoca suo compagno di squadra al Palermo – Fabio Grosso si ritrovò titolare sulla corsia mancina, con Zambrotta chiamato a tornare alle origini occupando quella destra – si legge su goal.com – Il resto è storia, con Grosso che conquista la ribalta in tutti i momenti determinanti del Mondiale, risultando – non ce ne vogliano Pirlo, Buffon e gli altri – l’uomo immagine di quella cavalcata trionfale, mentre Alessandro Nesta riesce sì ad alzare al cielo quello strameritato trofeo, ma col rammarico di non aver potuto vivere da protagonista – per lo meno sul campo – l’avventura tedesca. Oggi allo stadio Bentegodi i due si ritroveranno faccia a faccia: non sarà certo la prima volta, ma inevitabilmente la mente – loro e di tutti noi – correrà a quel 9 luglio del 2006 , quando il cielo diventò azzurro sopra Berlino.