“Il Verona ha due risultati su tre però deve andare al Mazza con le idee chiare. La Spal ha vinto a Torino ma senza dubbio ha ancora dei problemi. La vendita di Lazzari e la perdita per infortunio di Fares hanno condizionato molto il rendimento della squadra. In più si è infortunato anche D’Alessandro – ha dichiarato a L’Arena l’ex attaccante e ds dell’Hellas Verona, Mauro Gibellini – La Spal non ha un gioco delineato come il Verona di Juric. Vive da sempre di fiammate e delle qualità dei suoi giocatori. Mercato? L’appendice di gennaio l’ho sempre ritenuta fasulla. Si cambia poco. Le squadre vanno costruite in estate. Con la classifica del Verona, se tra Pazzini, Stepinski e Di Carmine segnano ancora complessivamente una decina di reti, la salvezza è cosa fatta. L’Hellas è una squadra ben costruita con un gioco preciso. Grande agonismo e giocatori che si aiutano. Se i gialloblù vinceranno ancora quattro o cinque gare da qui alla fine con qualche pareggio, non avranno problemi a salvarsi”.