Andrea Mandorlini commenta la sfida di domani sera al Ferraris contro i rossoblù di Gasperini.

“Con la Roma abbiamo fatto una buona gara, ma domani con il Genoa sarà un’altra partita. L’anno scorso per noi è stata una tappa importante per la nostra stagione, quella sconfitta brucia ancora. Troveremo un ambiente caldo e tosto con 26-27 mila presenze, con il Palermo hanno fatto bene ma hanno perso, per loro sarà il primo banco di prova. Pazzini o no? Giampaolo con la Roma è entrato bene, volevo inserirlo prima ma abbiamo forzato due cambi. Domani vedremo. Iturbe? Abbiamo ascoltato le ultime notizie, ci avrebbe fatto piacere incontrarlo ma buon per noi che sia convocato con la Roma. Il Genoa ha cambiato tanto, noi abbiamo riconfermato invece gran parte dei giocatori ma l’obiettivo è quello per entrambi: far un gran campionato. Siamo curiosi di vedere come reagirà la nostra squadra di fronte a queste prime difficoltà. Ci aspetta un ostacolo duro ma anche loro troveranno un avversario tosto. Ho sensazioni positive. Le assenze? Helander e Fares stanno meglio ma sono ancora out. Ionita rientrerà in gruppo la prossima settimana. Non siamo ancora al top della forma, siamo più in condizione di altre squadre perchè abbiamo riconfermato gran parte del gruppo, la sosta ci darà altro tempo per lavorare ma le sensazioni sono buone. Se dopo la partita con la Roma è impossibile cambiare formazione? La squadra va rimaneggiata in base all’avversario che affrontiamo e per come vogliamo affrontarlo, non di certo per inserire un giocatore o meno. Greco? Eravate tutti molto scettici ma per me non è stata una sorpresa, non avevo dubbi. Aspettiamo Viviani, mi piace tanto tanto. Domani magari avrà qualche minuto perchè ho voglia di vederlo, è un giocatore che ha grande qualità e una grande abilità nel calciare le palle da fermo ma ora Greco sta facendo bene. Rafael? Dispiace per l’errore e per essere stati troppo poco in vantaggio con la Roma, forse potremmo aver potuto vincere la partita. Poi peró al 42′ della ripresa ha fatto un miracolo su Pianjc che ci ha salvato la partita. Jankovic? All’inizio il nostro rapporto non era dei più rosei ma ora è forte e vero. È un giocatore che dà tutto quello che ha. Souprayen? Si è fatto trovare pronto, ora dovrà riconfermarsi. Hallfredsson? Lo vedo tranquillo e sereno. Sta bene dove sta, mi assomiglia caratterialmente. Le voci di mercato attorno a Sala e Romulo? Li vedo con la maglia del Verona addosso. Non so poi quello che sarà. Gli ultimi colpi di mercato? Non mi aspetto grandi ritocchi. Vedremo se salterà fuori qualcosa ma siamo abbastanza a posto così. Derby per Nicolini? È vero, essendo un tifoso della Sampdoria vede la partita un pó come un derby personale. Ma è sereno anche lui. L’esordio della maglia fluo? Così saremo più evidenziati in campo”.