Sembra sempre più appeso a un filo il destino del Foggia Calcio. Oggetto di discussione, il futuro della squadra. Notizie ufficiali non ci sono, ma dopo l’incontro che ha avuto ieri la società con i calciatori, il quadro sarebbe veramente scuro, nonostante il Presidente del Foggia Calcio, Lucio Fares, che abbiamo sentito questa mattina, ci parla di grande serenità, di un clima di condivisione e unità d’intenti con i ragazzi, nonostante il momento, ammette, sia particolare, per via delle scadenze da rispettare. Entro il 16 marzo la società dovrà portare a regolarità i pagamenti e soprattutto non prendere punti di penalizzazione. Lo sforzo che sarebbe stato chiesto ieri a calciatori e dipendenti è quello di ottimizzare le risorse disponibili. Le premialità già raggiunte da quasi tutta la rosa, dovranno attendere ancora qualche mese. L’alternativa? Consegnare la squadra al Sindaco. L’obiettivo salvezza, quindi, è sempre più determinante. Se il Foggia si salverà sul campo, si salverà. Intanto si starebbero recuperando, fra forme di sponsorizzazioni e pubblicità, le risorse necessarie per adempiere le scadenze del 16 marzo, compresi i soldi necessari per i contributi alla Lega. E visto l’evidente disimpegno dei Sannella, sono al vaglio anche altre alternative. Ci sarebbero un paio di opzioni che verranno valutate. Una delle due, pare stia già contribuendo a salvare la squadra. Ma questa è storia di ieri. Oggi bisogna pensare al campo. Se il Foggia si salva in campo, continuerà ad esistere. Se non si salva e va in SerieC sarà difficile pensare che il territorio possa offrire valide opzioni per sostenerla. Fonte: teleblu.tv