“Gasperini e Juric, li ho avuti al Genoa. Sono come fratelli, magari padre e figlio, non so. Eccezionali ma difficili da domare. Il Verona senza Juric avrebbe almeno 7 o 8 punti in meno. Lui è lavoratore, furbo e bravo. Conosce il calcio e sta facendo bene. La salvezza? I gialloblù ce l’hanno già in tasca. D’Amico e Setti sono stati bravi quando l’hanno preso. Ora però arriva il mercato e si vedrà – ha dichiarato a L’Arena, l’ex direttore sportivo dell’Hellas Verona, Rino Foschi – Ve lo dico ora: se dovesse andar via Juric per naturali ambizioni e dopo che qualche cessione di troppo, almeno così si legge sui giornali, l’allenatore giusto è Vincenzo Italiano. Il Verona farebbe un colpo della Madonna… Lo firmo subito. Questo è bravo come Ivan, anche se fanno un calcio diverso. Era già allenatore in campo quando era con me a Padova. Sa parlare ai calciatori ed è bravo a portarli dalla sua parte. È molto preparato. Ha imparato da Prandelli, da Malesani e da Gasperini. Ha preso da tutti. Deve maturare è chiaro ma ha un buon futuro da allenatore. Da tecnico fa un 4-3-3 ma al di là dei numeri sta imparando bene. l’Hellas. A Juric gli hanno venduto quasi tutti, però è arrivata anche gente capace. La filosofia del club è questa. Però sta facendo molto bene. Ivan come concetti, come grinta e come lavora è forte. In più ha valorizzato giocatori per svariati milioni. Vedremo a gennaio”.