“Sicuramente sarà una partita difficile, come tutte in questa ripresa. Ci sono tante incognite, quando si gioca in maniera molto ravvicinata le letture le hai più dopo la partita. Prima speri che le cose possano andare in una certa maniera, poi ne trovi di diverse. Noi ci stiamo preparando, i ragazzi sono consapevoli di affrontare una squadra che è insieme da un anno, sta facendo un ottimo campionato e viaggia sulle ali dell’entusiasmi. Giocando in casa, ci manca il nostro dodicesimo uomo che sono i tifosi. Ma dovremo essere bravi a fare una gara all’altezza della situazione per 95 minuti. Siamo una delle squadre che più tira in porta, reduce da cinque pali colpiti in cinque partite, ci auguriamo di avere un pizzico in più di fortuna e di essere più precisi stavolta. Per vincere bisogna essere più concreti".
Sta utilizzando tanti uomini in questo periodo. Com’è la condizione in vista dell’Hellas Verona? Abbiamo qualche assenza tra squalifiche e acciacchi, che sono normali. Abbiamo due sedute di allenamento per verificare la condizione, insieme allo staff medico, e capire chi può partire. Non è che chi parte è il titolare e chi arriva dopo non lo è. Nella stessa partita ci sono più partite e vanno lette tutte con la stessa importanza. Nei secondi tempi possono esserci dei ritmi diversi e chi subentra può essere determinante. Inoltre dopo tre giorni giocheremo un’altra partita difficile, in trasferta, quindi ci sono valutazioni da fare e le faremo in queste ultime ore pre-gara. Kouamé e Ribery? Tutti si impegnano al massimo, considerando le tante difficoltà. Di questi due calciatori siamo contenti. Kouamé sta recuperando dal grave infortunio, ci auguriamo che ci possa dare il suo contributo in questo finale di campionato. Ribery è tornato con noi, si allena, sta bene. E’ un giocatore che si fa fatica a tener fuori, per esperienza, abilità e qualità di palleggio. Vedremo le risposte che arriveranno da questi due allenamenti, poi si deciderà. Dall’attacco ci aspettiamo tanto perché è lì che dobbiamo incidere di più. Potevamo avere qualche punto in più, ma serve più concretezza davanti. L’Hellas Verona viene addosso, fa uno contro uno in ogni parte del campo. Dovremo essere veloci negli smarcamenti e riconoscere presto le varie situazioni di gioco. Abbiamo verificato le diverse cose, poi c’è il campo che ce lo dirà. Ci stiamo preparando rispettando gli avversari, noi come Fiorentina vogliamo andare in campo e fare una grande partita“ ha dichiarato l’allenatore della Fiorentina, Giuseppe Iachini, alla vigilia della sfida contro l’Hellas Verona.