A poche ore dal prolungamento del contratto sino al 30 giugno 2023 dell’allenatore Ivan Juric, l’Hellas Verona si presenta allo stadio Olimpico Grande Torino per la 35ª giornata della Serie A TIM. Gialloblù che confermano il 3-4-2-1 composto da Silvestri, Rrahmani, Gunter, Empereur; Faraoni, Veloso, Pessina, Lazovic; Borini, Verre; Salcedo.

Prima occasione al 12’ con l’ottimo invito di Faraoni per Borini ma l’attaccante dell’Hellas Verona non riesce ad agganciare il pallone in area granata. Gunter chiude in tackle su Zaza al 18’, ma è Lazovic, come sempre, a fare quello che vuole sulla sinistra. L’esterno gialloblù conquista il fondo, palla indietro a Verre ma la conclusione dell’attaccante viene smorzata e controllata da Sirigu. L’idea di gioco della squadra allenata dal tecnico di Spalato emerge a più riprese anche a Torino, granata che al 19’ ci provano invano con Zaza, scaligeri che si fatto notare al 30’ con la conclusione dalla distanza, centrale, di Borini. Sulla corsia di competenza dominano Lazovic e Borini, serbo che al 39’, servito da Pessina, mette in mezzo ma non trova nessun compagno pronto in area granata. Bel fraseggio tra Veloso e Borini, palla indietro a Pessina che viene murato al 41’, gialloblù che subito dopo cambiano campo con Lazovic, palla a destra a Salcedo ma in area non c’è nessuno in maglia gialloblù. Lazovic è onnipresente e al 42’ la sua conclusione termina di poco a lato alla destra di Sirigu. Gialloblù che chiudono a reti inviolate il primo tempo, dopo 2’ di recupero, dominato.