Ultimo atto in Serie A allo stadio Barbera di Palermo per l’Hellas Verona. I gialloblù di Delneri si presentano col 4-2-3-1 Gollini, Pisano, Bianchetti, Helander, Emanuelson; Marrone, Viviani; Wszolek, Ionita, Siligardi; Pazzini.

Ritmi blandi all’inizio, prima occasione della partita sul sinistro di Maresca al 7′ col pallone che termina direttamente sul fondo. Ci prova Vazquez da fuori area all’11’, nessun problema per Gollini. L’Hellas Verona si fa vedere per la prima volta con Viviani al 15′ ma Pazzini e Ionita non ci arrivano sull’invito dell’ex Roma, gialloblù pericolosi anche due minuti più tardi con Wsozlek, ma è il Palermo a passare al 28′ con Vazquez che da fuori area sorprende Gollini, non impeccabile. Tre minuti più tardi Pazzini mette i brividi al pubblico del Barbera: conclusione da oltre 30 metri in controbalzo che, deviata da Sorrentino, colpisce il palo alla sinistra del portiere rosanero. Al 35′ arrivano alle mani Wszolek e Morganella, cartellino rosso per entrambi. Primo tempo che si chiude col secondo legno (40′) per l’Hellas Verona con Ionita, dove il protagonista è ancora Sorrentino.