Il girone di ritorno dell’Hellas Verona si apre allo stadio Euganeo di Padova, gialloblù di Grosso che confermano il 4-3-3 con Silvestri, Faraoni, Dawidowicz, Marrone, Balkovec; Gustafson, Henderson, Zaccagni; Matos, Pazzini, Laribi. Per il bomber gialloblù, presenza n.100 con la maglia gialloblù (49 in Serie A, 45 in cadetteria e 6 in Coppa Italia, ndr). La squadra di Bisoli manda subito in campo i nuovi arrivati, eccezione fatta per Lollo, compresi gli ex gialloblù Cherubin e Calvano. Padova subito pericoloso al 4’ prima con Mbakogu e poi con Broh che mette i brividi alla difesa gialloblù. L’Hellas Verona fatica troppo ed i patavini ne approfittano al 13’: traversone da sinistra e colpo di testa vincente di Mbakogu che non dà scampo a Silvestri. Padroni di casa ancora pericolosi, sempre di testa, con Trevisan che si libera facilmente del diretto avversario ma sbatte sull’estremo difensore gialloblù. Timida la reazione dei gialloblù col tiro dalla distanza di Balkovec che non inquadra lo specchio della porta, sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Buono lo scambio Henderson-Pazzini, pallone a Matos ma la conclusione dell’esterno gialloblù termina alta. Inutile tiro-cross di Henderson al 35’, gialloblù che non riescono mai ad impensierire la retroguardia del Padova. Zaccagni da oltre venti metri ci prova un minuto più tardi, pallone che si perde però sul fondo senza recare problemi a Minelli. Primo tempo che si chiude con l’occasione al 42’ per i gialloblù: angolo di Laribi e colpo di testa di Gustafson a lato di poco. Primo tempo che si chiude dopo 2’ di recupero e col cartellino giallo sventolato in faccia a Marrone.