Al peggio non c’è mai fine. Le cinque sberle ricevute al Bentegodi contro l’Atalanta prima della sosta del campionato non hanno svegliato l’Hellas Verona di Fabio Pecchia. Anzi. A San Siro contro l’Inter, i gialloblù riescono a subire gol dopo appena 37 secondi, direttamente da rimessa laterale di D’Ambrosio, con Icardi che si è trovato a tu per tu con Nicolas e ha depositato senza difficoltà il pallone in fondo alla rete. Attoniti i 441 tifosi gialloblù presenti a San Siro, Hellas Verona che si presenta a Milano col 4-2-3-1 con Nicolas, Ferrari, Caracciolo, Vukovic, Souprayen; Calvano, Buchel; Romulo, Aarons, Fares; Petkovic. L’Inter cerca di chiudere subito la partita prima con D’Ambrosio e poi con Gagliardini al 10’, ma ci pensa Perisic a raddoppiare tre minuti dopo, prima brucia Ferrari e poi in diagonale non dà scampo all’estremo difensore dell’Hellas Verona. La squadra di Pecchia ci prova al 18’ con Caracciolo ma il suo tiro viene ribattuto dalla difesa dell’Inter. Calvano al 22’ colpisce male il pallone in area nerazzurra, come Candreva al 30’, col pallone che termina sul fondo. Al 34’ cartellino giallo per Fares che era in diffida e quindi mercoledì non sarà a disposizione nel recupero di Benevento. Primo tempo che si chiude con la ciabattata di sinistro di Buchel al 43’ che termina sul fondo.