Primo turno infrasettimanale del campionato cadetto. Grosso ritrova Pazzini dal 1’ e lancia nella mischia anche Gustafson al posto di Dawidowicz. Al Bentegodi si presenta lo Spezia di Marino, coi gialloblù che confermano il 4-3-3 con Silvestri, Crescenzi, Caracciolo, Marrone, Balkovec; Gustafson, Colombatto, Henderson; Matos, Pazzini, Laribi. Al 2’ sinistro pericoloso dal limite dell’area di Okereke, si distende bene Silvestri che respinge l’insidia. Mora al 9’ sovrasta di testa Gustafson, palla a Okereke che non trova però alcun compagno in area gialloblù. Al 16’ l’Hellas Verona si affaccia per la prima volta concretamente dalle parti di Manfredini, con lo Spezia obbligato a chiudere in calcio d’angolo. Ottimo spunto sulla sinistra al 20’ di Balkovec, col portiere ospite che chiude in uscita bassa. Spezia ancora pericoloso sempre con Okereke al 36’ quando il n.21 calcia a lato su assist di Gyasi. Tentano invano di replicare i gialloblù con Laribi che serve Matos ma l’attaccante scaligero aggancia male il pallone. Spezia che passa con merito in vantaggio al 39’ con Bidaoui che appoggia in rete l’assist dalla corsia opposta di Okereke. Ma per la squadra di Marino non c’è nemmeno il tempo di festeggiare che arriva subito il pareggio firmato Matos. Conclusione dal limite dell’area di Pazzini, Manfredini non controlla il pallone e per il n.7 gialloblù è un gioco da ragazzi appoggiare la sfera in fondo alla rete, sotto la Curva Sud.