Luci al Bentegodi nel posticipo della quinta giornata del girone di ritorno cadetto. Tante le novità nell’undici titolare mandato in campo da Pecchia, gialloblù che tornano al 4-3-3 con Nicolas, Ferrari A., Boldor, Caracciolo, Souprayen; Zuculini F., Fossati, Bessa; Zaccagni, Pazzini, Fares.

Prima del fischio d’inizio, i tifosi gialloblù hanno invitano la squadra di Pecchia a tirare fuori gli attributi in una partita che può decidere buona parte del futuro di Pazzini e compagni.

Al 3′ la prima occasione è per l’Hellas Verona col colpo di testa innocuo di Zaccagni su assist di Souprayen, tre minuti dopo sinistro alto sopra la traversa del capitano e bomber gialloblù. Al 15′ da fuori area ci prova Fossati, senza fortuna, SPAL che non fatica a limitare gli attacchi dei gialloblù come al 20′ quando Zaccagni arriva al cross ma non trova maglie gialloblù in area ospite. La SPAL sorniona lascia sfogare la squadra di Pecchia e si fa vedere al 28′ quando Schiattarella ruba palla a Fossati al limite dell’area, palla a Floccari che al volo all’altezza del dischetto del rigore non riesce a superare l’estremo difensore gialloblù. Due minuti dopo il sinistro di Souprayen finisce in curva, come la conclusione di Fossati al 32′ che non impensierisce Meret.