Finalmente. È un Verona di carattere, pronto a lottare su tutti i palloni quello che si presenta allo stadio Bentegodi contro la Sampdoria. Pecchia conferma il 4-3-3 con Nicolas, Bearzotti, Caracciolo, Heurtaux, Romulo; Fossati, Zuculini B., Bessa; Verde, Pazzini, Valoti. Parte forte l’Hellas Verona, dopo 2′ sulla destra Verde verticalizzazione per Bessa, palla in area blucerchiata, con Bereszkynski che allontana in qualche modo la minaccia. Al 7′ gran palla di Caprari per Alvarez, ma Heurtaux è attento e chiude in angolo. Caprari al 14′ impegna Nicolas con una conclusione a giro da fuori area che il portiere gialloblù chiude in angolo. Replica la squadra di Pecchia con l’ottimo esordiente Bearzotti che cerca ma non trova in area ospite Valoti, ex Milan protagonista al 23′ ma il suo tiro a botta sicura viene respinto da Puggioni che gli nega la gioia del vantaggio. La Sampdoria al 28′, di testa con Silvestre, chiama all’intervento Nicolas, scaligeri che ci provano senza fortuna col sinistro di Verde al 29′ da fuori area, pallone bloccato senza problemi dal portiere ospite. Sugli sviluppi di una punizione calciata da Alvarez, Silvestre calcia alto da comoda posizione al 33′, gialloblù che non abbassano la guardia e ci prova al 36′ con Bessa, servito a sinistra da Valoti, pallone in area per Pazzini ma la difesa doriana spazza. Primo tempo che si chiude con l’ennesima azione offensiva dei gialloblù chiusa col sinistro di Verde che obbliga Puggioni a salvarsi in calcio d’angolo.