Vita troppo facile per l’Udinese contro l’Hellas Verona. Gialloblù che tornano alla triste realtà dalla trasferta in terra friulana. Clamorosa involuzione quella di Romulo e compagni alla Dacia Arena, dopo la vittoria nel turno precedente contro il Milan. Zero tiri in porta, appoggi sbagliati e tanta, troppa confusione in campo. I gialloblù in casa dell’Udinese si presentano col 4-2-3-1 Nicolas, Ferrari, Caracciolo, Heurtaux, Souprayen; Zuculini B., Fossati; Romulo, Bessa, Verde; Kean. L’allenatore Fabio Pecchia deve rinunciare a Caceres causa lombalgia, al suo posto torna Souprayen nel ruolo di terzino sinistro. La squadra di Oddo ci prova al 2’ con la conclusione centrale, da fuori area, di Adnan bloccata senza problemi da Nicolas. Al 15’ timido tentativo dei gialloblù con Kean dentro l’area bianconera, tiro murato da Nuytinck. Quattro minuti dopo colpo di testa innocuo di Lasagna ed al 21’ chiusura in tackle di Souprayen su Lopez, gialloblù che si salvano in calcio d’angolo. L’Udinese è padrona del campo ed al 28’ passa grazie a Barak che in area gialloblù ha tutto il tempo di girarsi e battere così Nicolas. Al 40’ ci prova dalla distanza Jankto, pallone che si perde sul fondo. Udinese che raddoppia al 44’ grazie al gol di Widmer che supera Nicolas dopo la corta respinta del portiere gialloblù. Primo tempo che si chiude col doppio vantaggio della squadra di Oddo, gialloblù che non sono mai riusciti a tirare in porta nei primi 45’. Il secondo tempo si apre con Pazzini al posto di Kean, ma è l’Udinese dopo soli 22 secondi ad andare vicino al tris con Lasagna, bianconeri al 2’ ci prova anche Barak, conclusione che termina alta sopra la traversa. Secondo cambio per i gialloblù all’11’, con Lee al posto di Ferrari, con Romulo che si abbassa sulla linea di difesa a destra, ma arriva il 3-0 dell’Udinese al 24’ grazie alla doppietta personale di Barak che dal limite dell’area supera Nicolas con una conclusione precisa alla sinistra del portiere gialloblù. “Restiamo in Serie A però nessuno ci crede” cantano i tifosi gialloblù presenti alla Dacia Arena, mentre Pecchia al 28’ fa esordire in Serie A Tupta al posto di Verde, terzo ed ultimo cambio per i gialloblù. All’Udinese non resta altro da fare che gestire l’importante vantaggio contro un Hellas Verona privo di identità e di gioco. Ma per la squadra di Oddo c’è anche il tempo di siglare il 4-0 con Lasagna, al 35’, che da posizione ravvicinata non dà scampo a Nicolas con un tiro potente che si infila sotto la traversa. I tifosi gialloblù presenti a Udine (871) non le mandano a dire alla dirigenza gialloblù ed invitano l’allenatore a fare le valigie. Udinese che in chiusura di gara colpisce anche la traversa con Larsen. Alla Dacia Arena, l’Hellas Verona registra così il secondo passivo più pesante di questo campionato.