Beffa clamorosa per l’Hellas Verona. I gialloblù assaporano solo la vittoria al Mapei Stadium, Sassuolo che trova il 3-3 nell’ultimo minuto dei sette di recupero.

Terza partita in otto giorni, la prima trasferta post Covid-19 per i gialloblù di Juric, scaligeri che si presentano col 3-4-2-1 composto da Silvestri, Rrahmani, Gunter, Kumbulla; Adjapong, Veloso, Amrabat, Lazovic; Pessina, Zaccagni; Stepinski.

Al 4’ ci prova subito l’Hellas Verona sulla corsia di sinistra con Lazovic, palla a Zaccagni, respinge la difesa neroverde, pallone a Pessina, nuova ribattuta dei padroni di casa, azione che si chiude col tiro alto di Veloso. Un minuto dopo ancora Lazovic pericoloso quando obbliga Magnani a chiudere in calcio d’angolo, dopo aver fatto sedere il diretto avversario. Pressing alto dei gialloblù, che attaccano il Sassuolo sulla trequarti grazie alle direttive del mai domo, Juric. Il Sassuolo si fa vedere al 7’ con una triangolazione che porta Caputo a conquistare calcio d’angolo. Ammonito Kumbulla al 15’: il difensore era in diffida e salterà quindi la prossima sfida, in programma mercoledì sera al Bentegodi contro il Parma. Al 20’ se ne va sulla sinistra Haraslin, esterno che arriva al tiro, deviato però in corner. Al 27’ cooling break per le due squadre. Contropiede al 39’ dei gialloblù, con Adjapong che serve Amrabat, palla in area a Stepinski che non ci può arrivare. Primo tempo che termina, dopo 2’ di recupero, a reti inviolate.

La ripresa si apre col primo cambio per i gialloblù, con Empereur al posto di Kumbulla. Al 46’ Lazovic mette in mezzo ma il colpo di testa di Pessina non crea problemi a Consigli. Risponde il Sassuolo col colpo di testa alto sopra la traversa di Peluso, sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Gialloblù in vantaggio al 51’ grazie all’eurogol di Lazovic, destro secco da fuori area che non dà scampo a Consigli, col pallone che si insacca sotto la traversa. Per Lazovic secondo gol in campionato. Ma non c’è nemmeno il tempo di festeggiare perché il Sassuolo, al 53’, pareggia col sinistro in diagonale di Boga che trafigge Silvestri. Un minuto dopo ammonito Stepinski, autore del nuovo vantaggio dei gialloblù al 57’: assist (sesto, ndr) d’esterno di Lazovic con l’attaccante che appoggia di petto il pallone in rete. Per Stepinski terzo gol in gialloblù. Secondo cambio per i gialloblù, con Pazzini al 60’ al posto del polacco. Al 66’ Muldur obbliga Silvestri agli straordinari e subito dopo Juric viene ammonito: l’allenatore gialloblù era in diffida e sarà quindi squalificato contro il Parma. Ma la festa gialloblù continua in casa del Sassuolo. Terzo cambio per i gialloblù, con Badu al posto di Veloso al 67’, Hellas Verona che cala il tris un minuto dopo grazie al gol di Pessina, autore della quarta rete in campionato. Al 74’ l’arbitro manda le due squadre a rinfrescarsi ed al ritorno in campo, il Sassuolo accorcia le distanze al 77’ col destro a giro sotto il sette di Boga che non dà scampo a Silvestri. All’85’ paura per Badu quando rimane a terra dopo essere stato colpito alla testa da una conclusione ravvicinata. Per fortuna il ghanese si rialza dopo l’intervento dei sanitari gialloblù. All’87’ Berardi impegna Silvestri, mentre Verre tre minuti dopo rileva Zaccagni. Sono 7’ di recupero, Sassuolo che sfiora il pareggio con Obiang e Caputo ma la difesa gialloblù tiene. Sino al 97’ quando il destro di Rogerio si infila alle spalle di Silvestri per il 3-3 finale.