Zero tiri in porta e zero punti per l’Hellas Verona a Genova contro la Sampdoria. Per i gialloblù 16ª sconfitta in campionato dopo 24 giornate, la 7ª lontano dal Bentegodi. Clima surreale allo stadio Ferraris a seguito della decisione del Casms che ha vietato la vendita dei biglietti ai residenti della regione Veneto ed ai possessori della tessera del tifoso. Una decisione che ha portato i tifosi della Sampdoria (storico gemellaggio coi gialloblù, ndr) alla protesta con 5’ di assoluto silenzio sugli spalti. L’Hellas Verona si presenta col 4-2-3-1 composto da Nicolas, Romulo, Caracciolo, Vukovic, Fares; Buchel, Valoti; Aarons, Petkovic, Matos; Kean. Parte forte la squadra di Giampaolo e dopo soli 1’40’’ Caprari obbliga Nicolas a rifugiarsi in angolo ed all’8’ miracolo del portiere scaligero sul tiro ravvicinato di Linetty. Protagonista ancora Nicolas all’11’ sul diagonale di Quagliarella, gialloblù che si salvano in corner, Sampdoria che detta i tempi come al 17’ quando Vukovic salva a due passi dalla linea di porta sul colpo di testa a botta sicura di Quaglierella. Due minuti dopo Nicolas scivola e regala palla all’ex Napoli ma il portiere gialloblù si rifà con gli interessi chiudendo lo specchio della porta a Zapata. I gialloblù si fanno vedere timidamente al 32’ con Aarons che serve Kean ma l’attaccante colpisce male il pallone e non crea problemi a Viviano, spettatore non pagante. Caprari al 37’ strozza troppo il tiro, pallone che si perde sul fondo, mentre Petkovic al 44’ conquista un calcio d’angolo dopo il tiro ravvicinato, primo tempo che si chiude a reti inviolate. La ripresa si apre col vantaggio della Sampdoria firmato Barreto al 5’. Per il n.8 è facile battere Nicolas da due passi, indisturbato in area gialloblù. Vukovic al 9’ perde palla ma non ne approfitta Quagliarella, mentre Zapata tenta il pallonetto senza fortuna al 10’. L’Hellas Verona effettua il primo cambio al 13’ con Verde al posto di Aarons, ex Roma subito pericoloso con un bel cross sul secondo palo che non trova però nessun gialloblù pronto. Entra Calvano al posto di Petkovic al 21’, mentre Felicioli rileva Buchel al 38’. Ma al 40’ fallo Valoti su Kownacki, sul dischetto si presenta Quagliarella che spiazza Nicolas e chiude così la partita, risultato mai in discussione per i blucerchiati. La Sampdoria amministra senza fatica il vantaggio e dopo 4’ di recupero, al triplice fischio finale, è la squadra di Giampaolo a festeggiare. L’Hellas Verona rimane così bloccato in classifica al penultimo posto a quota 16 punti e lunedì prossimo seconda trasferta consecutiva, a Roma contro la Lazio.