“Tornerete in Serie B” cantano i tifosi della Roma. La squadra di Di Francesco ha vita facile contro l’Hellas Verona, giallorossi che al piccolo trotto si impongono davanti al pubblico amico contro Bessa e compagni. Terza panchina nelle prime quattro giornate per Giampaolo Pazzini. Ennesima scelta che lascia tutti basiti. Presidente Setti escluso, numero uno del club gialloblù che ha confermato la totale fiducia all’allenatore Pecchia. L’Hellas Verona si presenta all’Olimpico, confermando il 4-3-3 con Nicolas, Caceres, Ferrari, Heurtaux, Souprayen; Bessa, Buchel, Zuculini B.; Romulo, Kean, Valoti. La Roma parte forte e dopo 2′ arriva alla conclusione con El Shaarawy, tiro però centrale bloccato senza problemi da Nicolas. Giallorossi pericolosi subito dopo col tiro da fuori area di Pellegrini che termina alto. Al 6′ azione personale di Dzeko che si beve la difesa gialloblù ma al momento di andare al tiro, incespica sul pallone. Dominio assoluto dei padroni di casa che al 9′ vanno vicini al vantaggio ancora con Dzeko, conclusione però centrale respinta da Nicolas. Replica Kean che spara in curva al 10′, ma è la Roma ad andare ancora vicina al vantaggio con Cengiz che colpisce l’incrocio dei pali esterni alla sinistra del portiere gialloblù. Dal 18′ è la pioggia la protagonista all’Olimpico, Roma che passa in vantaggio al 22′ con Nainggolan, abile nell’inserirsi tra le maglie gialle e battere Nicolas. L’Hellas Verona dà segnali di vita al 30′ col destro da fuori area di Bessa che esce di poco a lato, troppo poco però per cercare punti a Roma. Giallorossi che raddoppiano al 33′ con Dzeko che di testa sfrutta al meglio l’assist di Florenzi da destra per battere Nicolas. Primo tempo che si chiude col tiro dalla distanza di Zuculini che non crea alcun problema a Alisson. L’unica nota positiva dei 45′, i 379 tifosi gialloblù presenti all’Olimpico. La ripresa si apre senza alcun cambio da parte dei gialloblù, Hellas Verona che ci prova senza fortuna dalla distanza con Caceres, replica la Roma al 50′ con la punizione alta di poco di Kolarov. Ci prova da oltre 20 metri El Shaarawy, tiro centrale bloccato da Nicolas. Primo cambio per i gialloblù al 58′, con Verde che prende il posto di Buchel, ma è la Roma a calare il tris al 60′ con la doppietta personale di Dzeko. Pazzini entra al posto di Kean al 64′, gialloblù che un minuto dopo rimangono in dieci per l’espulsione di Souprayen per doppia ammonizione. Terzo ed ultimo cambio per i gialloblù, con Fossati al posto di Zuculini al 74′, ma è ancora la Roma pericolosa con la conclusione prima di Schick e poi di Dzeko, dove Nicolas si fa trovare pronto. Roma vicina al poker all’82’ ancora con Dzeko, esterno che esce a lato di poco. Sfida all’Olimpico che si chiude con Fossati che calcia in area gialloblù la gamba del compagno di squadra, Ferrari, azione che rispecchia l’Hellas Verona di Fabio Pecchia.