Senza Romulo, Pisano, Siligardi, Gomez e Valoti, l’Hellas Verona si deve accontentare di un pareggio al Bentegodi contro la SPAL. Un punto che permette ai gialloblù di agganciare al secondo posto in classifica il Benevento a quota 46 punti. Aspettando la sfida al vertice di sabato prossimo allo stadio Matusa.

Luci al Bentegodi nel posticipo della quinta giornata del girone di ritorno cadetto. Tante le novità nell’undici titolare mandato in campo da Pecchia, gialloblù che tornano al 4-3-3 con Nicolas, Ferrari A., Boldor, Caracciolo, Souprayen; Zuculini F., Fossati, Bessa; Zaccagni, Pazzini, Fares.

Prima del fischio d’inizio, i tifosi gialloblù hanno invitano la squadra di Pecchia a tirare fuori gli attributi in una partita che può decidere buona parte del futuro di Pazzini e compagni.

Al 3′ la prima occasione è per l’Hellas Verona col colpo di testa innocuo di Zaccagni su assist di Souprayen, tre minuti dopo sinistro alto sopra la traversa del capitano e bomber gialloblù. Al 15′ da fuori area ci prova Fossati, senza fortuna, SPAL che non fatica a limitare gli attacchi dei gialloblù come al 20′ quando Zaccagni arriva al cross ma non trova maglie gialloblù in area ospite. La SPAL sorniona lascia sfogare la squadra di Pecchia e si fa vedere al 28′ quando Schiattarella ruba palla a Fossati al limite dell’area, palla a Floccari che al volo all’altezza del dischetto del rigore non riesce a superare l’estremo difensore gialloblù. Due minuti dopo il sinistro di Souprayen finisce in curva, come la conclusione di Fossati al 32′ che non impensierisce Meret.

La ripresa si apre col tentativo invano su punizione di Boldor, primo tiro nello specchio della porta dell’Hellas Verona. All’8′ Schiattarella trova in area gialloblù Mora, capitano spallino che viene contrastati in modo efficace da Zaccagni.

Dal 10′ però tutte le attenzioni sono rivolte alla Curva Nord, settore ospiti occupato dai tifosi della SPAL dove si registra la caduta di uno spallino, subito soccorso e trasportato d’emergenza in ospedale.

Al 15′ arriva la conclusione centrale di Antenucci, ma è Bessa al 18′ ad andare vicino al vantaggio col destro che lambisce il palo alla destra di Meret. Al 23′ primo cambio per i gialloblù, con Luppi al posto di Franco Zuculini. Nicolas al 32′ salva il risultato di piede sulla conclusione di Zigoni, mentre Pecchia al 33′ dà spazio a Cappelluzzo al posto di uno spento Fossati. Ed è proprio l’ex attaccante del Pescara ad andare vicino al gol, su assist da sinistra di Fares, ma Meret si supera e chiude in angolo. Traversa clamorosa al 40′ di Vicari, ultima occasione del posticipo del Bentegodi che regala ai gialloblù il settimo pareggio stagionale. Pecchia al 44′ sfrutta l’ultimo cambio, con Ganz al posto di Fares, ma durante i 5′ di recupero l’arbitro Di Paolo si rende protagonista sventolando in faccia il cartellino rosso a Zaccagni.

In inferiorità numerica per 2′, l’Hellas strappa un punto e da domani mattina testa già al Frosinone, scontro diretto in programma in ciociaria sabato prossimo.