Col minimo sforzo, nonostante l’inferiorità numerica per buona parte del secondo tempo, la Roma torna alla vittoria dopo sei giornate senza successi. E per l’Hellas Verona, 15ª sconfitta in campionato, ko che blocca Romulo e compagni al penultimo posto in classifica con 16 punti. La sfida al Bentegodi contro i giallorossi di Di Francesco si apre con gli applausi all’ex Ct dell’Italia, Azeglio Vicini, scomparso martedì scorso all’età di 84 anni. Gialloblù che si presentano col 4-2-3-1 con Nicolas, Ferrari, Caracciolo, Vukovic, Fares; Buchel, Valoti; Romulo, Aarons, Petkovic; Matos. Fischi per Fabio Pecchia all’annuncio delle formazioni, con la Curva Sud che ha esposto gli striscioni “Setti primo colpevole” e “Setti schiavo di Fusco”. Bastano poco più di 40 secondi alla Roma per passare in vantaggio: Buchel perde palla e ne approfitta Under che fa partire un sinistro che non dà scampo a Nicolas. I giallorossi cercano il raddoppio con Dzeko al 6’, ma l’attaccante bosniaco calcia alto. Al 15’ Nicolas evita l’autogol di Caracciolo e nel capovolgimento di fronte Matos impegna Alisson, primo tiro nello specchio della porta da parte dei gialloblù. Al 18’ ottima doppia chiusura di Caracciolo prima su El Shaarawy e poi su Nainggolan, ma è la Roma pericolosa con Dzeko, piattone che esce di poco alla sinistra di Nicolas. Roma protagonista anche al 23’ con la conclusione di Strootman alta sopra la traversa, centrocampista belga che tenta da fuori area di sorprende l’estremo difensore gialloblù, pallone che si perde sul fondo. Fares arriva sul fondo al 25’ e mette in mezzo ma non c’è nessuno in area giallorossa, mentre Matos al 33’ calcia di poco a lato alla destra di Allison col pallone che si perde sul fondo. Protagonista Nicolas al 37’ quando chiude lo specchio della porta a Dzeko in uscita bassa, mentre Caracciolo un minuto dopo salva ancora una volta la porta gialloblù. Primo tempo che si chiude col coro “Restiamo in Serie A però nessuno ci crede…”. Il secondo tempo si apre col colpo di testa bloccato da Nicolas dopo 30’’ di Fazio e dopo 4’ viene espulso Pecchia per proteste. Due minuti dopo, Roma in dieci per l’espulsione di Pellegrini per fallo su Matos. Romulo al 10’ mette in mezzo ma Petkovic calcia alto, primo cambio per i gialloblù al 22’ con Calvano al posto di Valoti ed al 26’ Lee subentra a Aarons, ma è Nicolas a regalare palla alla Roma che arriva alla conclusione con Dzeko ma l’estremo difensore gialloblù si rifarà chiudendo lo specchio della porta. Terzo ed ultimo cambio al 42’, con Souprayen al posto di Buchel. Nicolas al 47’ evita un finale più pesante chiudendo su Strootman, Hellas Verona che non riesce a creare azioni degne di nota e per la Roma è facile mantenere il vantaggio e tornare così nella capitale con tre punti.