L’Hellas Verona regala il pareggio in pieno recupero al Perugia e non riesce così ad allungare in classifica, confermando il primo posto con due soli punti di vantaggio dal Frosinone.

Prima del fischio d’inizio della sfida del Bentegodi, anche il pubblico scaligero ha voluto ricordare con un minuto di silenzio la Chapecoense, club brasiliano tragicamente scomparso.

I gialloblù di Pecchia si presentano al 4-3-3 con Nicolas, Pisano, Caracciolo, Bianchetti, Souprayen; Romulo, Fossati, Valoti; Bessa, Pazzini, Luppi.

Prima occasione del match valido per la 17ª giornata del campionato di Serie B al 3′ col tiro-cross di Bessa smanacciato dal portiere Rosati. Gialloblù pericolosi subito dopo col sinistro di Caracciolo dopo il portiere ospite è attento, ma al 5′ Pecchia perde già per il derby di sabato prossimo a Vicenza il difensore Pisano, ammonito e presente sulla lista dei diffidati, insieme a Pazzini e Romulo. I gialloblù dettano i tempi ed al 13′ passano in vantaggio: Souprayen se ne va sulla sinistra, palla per Bessa che serve Luppi, l’ex Modena sotto la Curva Sud delizia il pubblico di casa con un tacco che non dà scampo a Rosati e sblocca così il risultato col secondo gol personale in campionato con la maglia gialloblù. Al 18′ provvidenziale chiusura di Volta che anticipa Romulo su invito da destra di Luppi, Perugia che al 32′ ci prova con Di Carmine, pallone bloccato senza problemi da Nicolas. Tre minuti dopo sono ancora gli umbri però ad andare vicino al pareggio col colpo di testa di Belmonte. Ma è l’Hellas Verona a trovare ancora una volta la via del gol grazie alla 14ª rete in campionato di Pazzini che approfitta dell’errore di Di Chiara (scivolato, ndr) per battere Rosati. Il capitano gialloblù, diffidato, si fa ingenuamente ammonire e anche lui non sarà del derby sabato prossimo. Oltre il danno anche la beffa per i gialloblù visto che il Perugia al 45′ accorcia le distanze grazie alla conclusione sul secondo palo di Nicastro che non dà scampo a Nicolas.
Il secondo tempo si apre col bel gesto dell’allenatore Bucchi che invita i suoi a restituire il pallone ai gialloblù dopo che Souprayen lo aveva spedito in rimessa laterale per permettere ad un avversario di essere soccorso. L’Hellas Verona fatica e Pecchia cerca di dare una scossa alla squadra con l’ingresso in campo al 17′ di Zaccagni al posto di Luppi, ma due minuti dopo è il Perugia a rendersi pericoloso col tiro a giro di Dezi che termina alto. Fares al 26′ entra al posto di Bessa, ma è ancora il Perugia ad andare vicino al pareggio con Drole che colpisce il palo esterno alla destra di Nicolas. Pecchia chiama in panchina Valoti al 34′, al suo posto Siligardi, ma poco o nulla cambia, tanto che in pieno recupero, il Perugia trova il meritato con Belmonte che di testa colpisce indisturbato in area gialloblù e regala il 2-2 finale alla squadra di Bucchi.