Quando tutto sembrava oramai scritto, con l’Hellas Verona matematicamente in Serie B con tre giornate d’anticipo, Siligardi trova in pieno recupero direttamente su punizione il gol vittoria al Bentegodi contro il Milan. E tiene “accesa” ancora una minima speranza a 270′ dalla chiusura della stagione.

Nel penultimo impegno casalingo, Delneri si presenta col 4-2-3-1 con Gollini, Pisano, Moras, Bianchetti, Albertazzi; Marrone, Ionita; Wszolek, Siligardi, Rebic; Pazzini. Fischi per tutti all’annuncio delle formazioni.

I rossoneri ci provano subito dopo appena 40” col sinistro di Montolivo alto sopra la traversa, replica gialloblù col tiro cross di Pisano che si perde direttamente sul fondo, accompagnato dai fischi del Bentegodi. Al 9′ protagonista Pazzini: prima spara sopra la traversa dal limite dell’area piccola rossonera, poi calcia addosso a Donnarumma da ottima posizione. Hellas Verona privo di gioco e grinta e per il Milan è facile passare in vantaggio al 21′ con Menez: conclusione dalla distanza di Honda, respinta corta di Gollini, il più lesto di tutti è il francese in area gialloblù che appoggia in rete e porta così in vantaggio il Milan. I due si sfidano anche al 29′ ma questa volta il portiere gialloblù chiude bene in uscita bassa. Timida la reazione dell’Hellas Verona al 35′ con la conclusione centrale di Pazzini respinta da Donnarumma. Al 38′ a sorpresa primo cambio per i gialloblù, con Romulo al posto di Rebic, Hellas Verona che chiude il primo tempo col 4-3-3, gialloblù di Delneri che vengono accompagnati negli spogliatoi tra i fischi e l’indifferenza del pubblico del Bentegodi.

La ripresa si apre col diagonale al 5′ di Siligardi chiuso da Antonelli, una partita priva di emozioni, resa più piacevole solo grazie al continuo tifo dei butei. Secondo cambio per i gialloblù, al 16′, con Gomez al posto di Wszolek, ma poco o nulla cambia. Milan pericoloso invece al 23′, ma è ottima la chiusura in tackle di Pisano sulla conclusione di Menez. Ma quando meno te l’aspetti, i gialloblù trovano il pareggio. Romagnoli colpisce con un braccio il pallone in area rossonera, dagli undici metri si presenta Pazzini che batte Donnarumma e ristabilisce così la parità al Bentegodi. Al 32′ terzo ed ultimo cambio per i gialloblù, con Checchin al posto di Pazzini e sei minuti più tardi brividi per la conclusione a lato di poco di Bacca. Ci prova Romulo al 43′ ma il suo tiro è troppo debole ed è preda facile di Donnarumma, portiere rossonero protagonista anche su Gomez. Quattro i minuti di recupero concessi dall’arbitro Di Bello, titoli di coda già pronti ma non è così. Al 49′ infatti Siligardi, direttamente su punizione, supera il portiere rossonero, decisivo in più occasioni, e fa esplodere di gioia gli oltre 18mila spettatori del Bentegodi.

Per l’Hellas Verona di Delneri quarta vittoria in campionato, gialloblù che salgono a quota 25 punti a tre giornate dal termine del campionato.