Vince e convince, da centrocampo in su, l’Hellas Verona. I gialloblù di Fabio Pecchia, dopo due trasferte consecutive, si presentano al Bentegodi contro l’Avellino di Toscano con Gomez al posto di Ganz ed è questa l’unica novità di formazione, 4-3-3 con Nicolas, Pisano, Bianchetti, Cherubin, Souprayen; Bessa, Fossati, Romulo; Luppi, Gomez, Siligardi.

Parte forte l’Avellino, Gavazzi a tu per tu con Nicolas va vicino al vantaggio al 3′, difesa gialloblù chiamata subito agli straordinari sul tentativo della squadra di Toscano. Tre minuti più tardi replica l’Hellas Verona, gran giocata di Siligardi sulla destra, palla in mezzo ma non c’è nessuno in maglia gialloblù. La squadra di Pecchia detta i tempi al Bentegodi e al 12′ sblocca il risultato grazie alla seconda rete in gialloblù di Bessa. L’ex Inter è abile nell’approfittare della corta respinta della difesa dell’Avellino per battere Radunovic, estremo difensore irpino messo fuori causa della deviazione dell’ex Gonzalez. L’Avellino trova però il pareggio al 35′ con Belloni, complice la deviazione di Fossati che mette fuori causa Nicolas. Nemmeno il tempo di festeggiare per i tifosi biancoverdi che dopo due minuti l’Hellas Verona torna in vantaggio al 38′, grazie al colpo di testa vincente di Pisano. L’Hellas Verona vuole chiudere la partita ed al 41′ cala il tris grazie alla rete di Romulo. Slalom in area dell’Avellino del jolly italo-brasiliano e palla alle spalle dell’estremo difensore irpino per la gioia del pubblico del Bentegodi.

La ripresa si apre con la conclusione dalla distanza al 5′ di Pisano che non inquadra lo specchio della porta, Avellino che al 6′ chiama Nicolas al miracolo su Soumarè, azione che prosegue e che vede poi protagonista Bianchetti che salva sulla linea di porta. Primo cambio per i gialloblù al 13′, con Zaccagni al posto di Luppi, entra anche Ganz per Gomez al 23′, gialloblù che non riescono però a dare il colpo del definitivo ko all’Avellino di Toscano, come al 26′ quando Radunovic chiude lo specchio della porta a Ganz. Esordio in gialloblù per Troianiello che al 29′ sostituisce Siligardi, ma non c’è spazio al Bentegodi per altre emozioni, Hellas Verona che torna così alla vittoria dopo aver conquistato solo un punto nelle ultime due partite. E martedì sera si va a Ferrara in casa della Spal.