Prova superata a pieni voti allo stadio Scida di Crotone. Terza vittoria consecutiva per la squadra di Fabio Grosso. Senza gli infortunati Di Carmine e Pazzini, l’allenatore scaligero lancia dal 1’ l’ex bomber della Primavera gialloblù, Lubomir Tupta. Esordio da titolare anche per Dawidowicz. I gialloblù, supportati dai 49 tifosi scaligeri arrivati in Calabria, confermano il 4-3-3 con Silvestri, Almici, Caracciolo, Marrone, Crescenzi; Henderson, Dawidowicz, Colombatto; Matos, Tupta, Laribi. Al 6’ cross da destra di Faraoni, pallone che è preda facile di Silvestri, ci prova subito dopo il veronese Nalini ma il pallone si perde in curva. Replicano i gialloblù col cross insidioso di Almici che crea più di qualche grattacapo alla retroguardia calabrese. Hellas Verona che passa in vantaggio al 14’ grazie alla prima rete in gialloblù del centrocampista scozzese, Liam Henderson. L’ex Bari sfrutta al meglio l’ottima azione sulla corsia di destra di Matos ed appostato sul secondo palo batte Festa. Gialloblù ancora pericolosi sempre con Matos che trova Laribi ma l’ex Cesena non riesce ad imprimere la giusta potenza e precisione al pallone. Replica il Crotone al 18’ con Faraoni, cross da destra che attraversa tutta l’area gialloblù ed un minuto dopo i centimetri di Simy creano qualche grattacapo alla difesa gialloblù. Marrone al 23’ chiude in calcio d’angolo la conclusione di Faraoni e Martella calcia alto da oltre venti metri. Crotone ancora pericoloso al 26’ col tiro sull’esterno della rete, alla sinistra di Silvestri, di Nalini. Incredibile l’errore di Tupta al 27’ Tupta quando supera in velocità Sampirisi ma a tu per tu con Festa calcia a lato. Al 29’ colpo di testa di Faraoni dove Silvestri non può fare altro che volare e smanacciare in calcio d’angolo. Matos sulla destra fa quello che vuole col pallone tra i piedi ed al 39’ serve Tupta che di prima intenzione calcia alto. Primo tempo che si chiude con l’ex bomber della Primavera ancora protagonista: il n.28 gialloblù si invola verso la porta difesa da Festa, servito da Henderson, e calcia di poco a lato dopo un’ottima azione personale —— La ripresa si apre con la punizione di Laribi che trova sul secondo palo Caracciolo, tuffo del capitano gialloblù che sfiora il raddoppio dopo soli 3’. La squadra di Stroppa nell’azione seguente, con Nalini, impegna Silvestri che chiude bene l’offensiva calabrese con un intervento di piede. Simy prova ad impensierire di testa, senza successo, il portiere gialloblù, Hellas Verona che in contropiede impegna Festa con la conclusione da fuori area di Laribi. Al 9’ primo cartellino giallo del match sventolato in faccia a Caracciolo per fallo su Stoian. La squadra di Grosso detta i tempi allo Scida ed al 14’ raddoppia grazie alla rete realizzata da Colombatto che non dà scampo a Festa. L’ex Perugia viene imbeccato da Tupta che prima di servirlo colpisce il palo. Al 16’ primo cambio per i gialloblù, con Ragusa al posto di Laribi. Matos al 22’ semina il panico tra i giocatori del Crotone, arriva al limite dell’area e di sinistro calcia di poco a lato. Secondo cambio per i gialloblù al 24’, con Cissè al posto di Tupta. Ottimo esordio dal 1’ per l’ex bomber della Primavera gialloblù che ha sfiorato in più di un’occasione il gol. Al 34’, terzo ed ultimo cambio per i gialloblù, con Seung-Woo Lee al posto di Matos. Il Crotone però riapre la partita al 40’ con la conclusione di Firenze che si infila sotto il sette alla sinistra di Silvestri. Budimir mette i brividi alla difesa gialloblù al 45’ ma dopo 4’ di recupero, arriva il triplice fischio che sancisce la vittoria della squadra di Grosso. Adesso testa già a martedì sera quando al Bentegodi arriverà lo Spezia per il primo turno infrasettimanale del campionato cadetto.