L’Hellas Verona accarezza solo l’impresa. Una partita che entra comunque di diritto nella storia del club scaligero. Al Mapei Stadium di Reggio Emilia, i gialloblù hanno affrontato nella finale della Primavera TIM Cup la Fiorentina, scaligeri che si sono presentati con Aznar; Gresele, Dal Cortivo, Calabrese, Udogie; Brandi, Lucas, Turra; Jocic, Sane, Yeboah.

Prima occasione dopo 2’ per i viola con la punizione di Bianco che termina alto. Passano otto minuti e arriva la conclusione da fuori area di Brandi, Brancolini non trattiene ma Sane si fa trovare in fuorigioco sulla ribattuta. Al 25’ tiro da venti metri che si perde sul fondo di Bianco, Fiorentina subito dopo pericolosa con Koffi ma Aznar è attento e chiude. Al 26’ cooling break per le due squadre, ed al ritorno in campo, sono sempre i gialloblù a dettare i tempi, squadra di Aquilani che al 41’ ci prova dalla distanza con Krastev. Primo tempo che si chiude col cartellino giallo a Lucas al 44’, risultato che rimane bloccato sullo 0-0 dopo 1’ di recupero grazie al miracolo di Aznar su Dutu nell’ultima azione della prima frazione di gioco.

Corrent ed Aquilani confermano gli stessi ventidue in campo ad inizio ripresa. Al 51’ ammonito Calabrese per fallo al limite dell’area su Hanuljak, Fiorentina che dopo quattro minuti si porta in vantaggio grazie al colpo di testa vincente di Dutu, sugli sviluppi di un calcio d’angolo, con gravi responsabilità della difesa veronese. Al 60’ primo cambio per i gialloblù, con Bertini al posto di Jocic. Ma è la Fiorentina che ha la possibilità di raddoppiare al 64’ con Pierozzi, ma Aznar chiude in calcio d’angolo. Secondo cambio per i gialloblù al 70’, con Pierobon al posto di Turra. Bertini ci prova subito dopo, ma la sua conclusione dal limite viene deviata in calcio d’angolo. Cooling break al 72’ ed al ritorno in campo, Bertini allarga troppo il diagonale mandando il pallone sul fondo alla destra di Brancolini. Al 79’ doppio cambio per l’Hellas Verona: dentro Bernardinello per Greselene e Agbugui al posto di Dal Cortivo. All’85 ammonito Bertini, gialloblù che provano con le residue forze ad andare ai supplementari, ma dopo 4’ di recupero è la Fiorentina a festeggiare la conquista della seconda Coppa Italia Primavera consecutiva.