Ventunesima sconfitta in 32 giornate, l’undicesima in trasferta. Anche il Bologna ha vita facile, specie nel primo tempo, contro l’Hellas Verona, gialloblù che si presentano al Dall’Ara col 4-3-3 con Nicolas, Ferrari, Vukovic, Caracciolo, Felicioli; Romulo, Fossati, Valoti; Aarons, Fares, Cerci. La squadra di Donadoni non vince da cinque turni e vuole subito mettere in chiaro le cose, come al 6’ quando Pulgar non inquadra lo specchio della porta da oltre venti metri. Bologna subito dopo pericoloso grazie al cross insidioso di Verdi, mentre al’11’ la conclusione di Masina esce di poco alla sinistra di Nicolas. Al 14’ gran verticalizzazione del Bologna che taglia in due i gialloblù, conclusione di Dzemaili respinta dal portiere gialloblù. Monologo rossoblu al Dall’Ara, con Palacio che un minuto dopo trova sul secondo palo Verdi che spara alto. Al 17’ ammonito Caracciolo che era in diffida e quindi salterà il turno infrasettimanale mercoledì al Bentegodi contro il Sassuolo. Dopo vari tentativi, il Bologna passa in vantaggio al 31’ grazie alla punizione di Verdi (fallo ingenuo di Fares al limite dell’area, graziato dal direttore di gara, ndr) che trafigge Nicolas sul suo palo. La reazione dell’Hellas Verona arriva subito dopo ma si ferma sull’esterno della rete alla sinistra di Mirante, sulla conclusione di Cerci. Pulgar al 45’ impegna Nicolas che chiude in angolo, monologo rossoblu nel primo tempo che si chiude dopo 1’ di recupero col vantaggio di misura dei padroni di casa. La ripresa si apre col sinistro al 3’ di Cerci che termina abbondantemente a lato, ma quattro minuti dopo occasione d’oro sul destro di Romulo che calcia alto da ottima posizione su invito di Aarons. Primo cambio per i gialloblù al 15’, con Petkovic al posto di Cerci ed al 22’ Lee rileva Romulo, gialloblù a “trazione anteriore” col 4-2-4. Ma è il Bologna che va vicino al raddoppio al 24’ col colpo di testa alto di poco di Palacio, gialloblù che purtroppo, come ci hanno abituato, faticano a costruire un’azione degna di nota e soprattutto a tirare in porta. Lee semina il panico sulla corsia di sinistra al 34’ ma non trova nessun compagno in area rossoblu. Al 37’ gran parata di Nicolas sulla botta di Dzemaili ed un minuto dopo i gialloblù effettuano l’ultimo cambio, con Fossati che lascia il campo causa infortunio alla spalla sinistra, al suo posto Matos. Al 43’ ottimo diagonale di Lee che trova però pronto Mirante, al primo vero intervento della sfida del Dall’Ara. Ultima occasione al 46’ con la conclusione dal limite dell’area di Fares che esce fuori di poco. C’è ancora tempo per il raddoppio del Bologna che arriva al 49’ con Nagy che spinge in rete la respinta di Nicolas. E mercoledì al Bentegodi, ultimo turno infrasettimanale di campionato quando si presenterà il Sassuolo.