Troppo poco per tornare a Verona con almeno un punto. Specie quando sparisci dal campo nel secondo tempo. Se nel primo tempo è stato il Var l’assoluto protagonista allo stadio Atleti Azzurri d’Italia, nella ripresa involuzione dei gialloblù che commettono troppi errori pagati tutti a caro prezzo. Per il secondo turno infrasettimanale della Serie A, l’Hellas Verona cambia modulo e si presenta a Bergamo col 4-4-1-1, 4-2-4 in fase offensiva con Nicolas, Romulo, Heurtaux, Caracciolo, Souprayen; Bessa, Fossati, Fares; Verde, Kean, Cerci. Dopo poco più di un minuto dal fischio iniziale, sinistro centrale di Gomez bloccato da Nicolas. Al 7’ protagonista il portiere gialloblù con una gran parata sulla girata in area di Toloi. L’Hellas Verona c’è e all’8’ spreca una clamorosa occasione con Kean, su invito di Cerci, attaccante di proprietà della Juventus che calcia alto da comoda posizione. Al 10’ Gomez calcia alto da fuori area e due minuti dopo Souprayen fa muro sul piatto di Hateboer. Replicano i gialloblù con Romulo al 14’, destro del jolly Italo-brasiliano che viene ribattuto in calcio d’angolo. Ilicic spedisce in curva il pallone al 16’ e tre minuti dopo sinistro alto di poco del gigante danese nerazzurro Cornelius. Un altro errore importante quello di Kean al 26’ quando viene imbeccato da Cerci ma calcia debolmente da posizione invitante tra le braccia di Gollini. Al 32’ il sinistro di Cerci trova la deviazione di Caldara, Atalanta che si salva in calcio d’angolo. Il VAR al 32’ annulla un gol ai padroni di casa per fuorigioco di Cornelius, VAR protagonista anche al 38’ quando viene annullato un gol ai gialloblù per fuorigioco di Kean. Primo tempo che si chiude a reti inviolate. È un altro Verona quello che si presenta in campo nella ripresa, secondo tempo che si apre col destro a botta sicura di Kean, dentro l’area bergamasca, dopo 1’ 30’’ ribattuto da Caldara. Ma è l’Atalanta a passare in vantaggio al 5’: Bessa perde palla al limite dell’area e spiana la strada alla squadra di Gasperini che con Freuler firma il vantaggio. Atalanta che raddoppia al 14’ col sinistro di Ilicic da fuori area che termina alle spalle di Nicolas. La squadra di Pecchia accusa il doppio svantaggio subito in appena 9’, con Pecchia che decide di mandare in campo Pazzini (fischiato dai suoi ex tifosi, ndr) al 18’ al posto di Cerci, primo cambio per i gialloblù. Ilicic al 21’ accarezza il sette alla sinistra di Nicolas, Atalanta che al piccolo trotto arriva facilmente in area gialloblù come al 25’ quando Gomez ha tutto il tempo di stoppare il pallone e di calciare in porta. Secondo cambio per l’Hellas Verona, Lee prende il posto di Heurtaux al 25’ con Souprayen che va a formare con Caracciolo la coppia di centrali di difesa, con Fares terzino sinistro. Ma c’è ancora tempo per l’Atalanta per calare il tris von Kurtic che al 31’, in spaccata, chiude al meglio l’assist da sinistra di Gosens. Terzo ed ultimo cambio per i gialloblù al 35’ con Zaccagni al posto di Kean, Atalanta che amministra l’importante vantaggio e ha solo una sbavatura al 42’ ma è attento Gollini sul destro ravvicinato di Zaccagni. Per i gialloblù seconda sconfitta consecutiva, la sesta in campionato. E lunedì al Bentegodi arriva l’Inter.